La salute delle donne

Chirurgia laparoscopica dell'endometriosi e sollevamento dell'utero, qual è la differenza?

La chirurgia dell'endometriosi è l'ultima procedura medica eseguita per trattare l'endometriosi. Sebbene la chirurgia non possa curare l'endometriosi, può almeno controllare i sintomi dell'endometriosi. Quali tipi di chirurgia dell'endometriosi possono eseguire i medici?

1. Chirurgia laparoscopica dell'endometriosi

La laparoscopia è la procedura più comune utilizzata per diagnosticare e trattare l'endometriosi. La laparoscopia viene eseguita rimuovendo le cisti o il tessuto cicatriziale nell'addome utilizzando il calore o un laser.

La laparoscopia viene eseguita per diverse condizioni, incluso quando:

  • La terapia ormonale non può controllare i sintomi dell'endometriosi
  • C'è tessuto cicatriziale o cisti che crescono e interferiscono con la funzione di altri organi nello stomaco
  • Si pensa che l'endometriosi renda le donne sterili

Procedura laparoscopica

Prima di sottoporsi a una laparoscopia, non si dovrebbe mangiare o bere per almeno 8 ore prima dell'operazione. La maggior parte della laparoscopia è una procedura ambulatoriale, quindi non è necessario rimanere prima in ospedale.

La procedura laparoscopica viene eseguita utilizzando un tubo lungo e sottile con una telecamera all'estremità, noto anche come laparoscopio. Durante una laparoscopia, lo strumento viene inserito nell'addome attraverso una piccola incisione posta sotto l'ombelico.

Quando viene rilevata l'endometriosi o il tessuto cicatriziale, il medico rimuoverà il tessuto o eseguirà il riscaldamento (ablazione endometriale) per distruggere il tessuto. Al termine dell'operazione, l'incisione viene chiusa con diversi punti.

Poiché le incisioni sono solo piccole, l'effetto della laparoscopia non è molto doloroso, anche alcuni pazienti possono tornare a casa lo stesso giorno dopo l'intervento. Sebbene la chirurgia laparoscopica per l'endometriosi possa aiutare ad alleviare i sintomi, i sintomi dell'endometriosi possono ripresentarsi di tanto in tanto.

Effetti collaterali e rischio di complicanze da laparoscopia

Proprio come la chirurgia in generale, la laparoscopia può anche causare alcuni effetti collaterali come nausea, vomito, gas in eccesso nello stomaco, leggero sanguinamento vaginale, dolore al sito di incisione e umore instabile.

Si consiglia di evitare varie attività faticose dopo una laparoscopia, come l'esercizio fisico intenso, il sollevamento di pesi pesanti e il sesso. Puoi fare di nuovo sesso dopo 2-4 settimane di intervento chirurgico, ma prima consulta il tuo medico per assicurarti di essere fisicamente pronto.

Le complicanze della chirurgia laparoscopica sono rare. Tuttavia, ci sono ancora possibili complicazioni come infezione della vescica o dell'utero, sanguinamento e danni all'intestino o alla vescica. Pertanto, soddisfa il tuo apporto nutrizionale e di liquidi riposandoti a sufficienza per accelerare il processo di recupero. Non dimenticare di controllare regolarmente con il medico per controllare i risultati dell'operazione.

2. Chirurgia dell'endometriosi con rimozione dell'utero

L'isterectomia e l'ovariectomia (rimozione delle ovaie) sono procedure che comportano la rimozione degli organi riproduttivi femminili per il trattamento dell'endometriosi. Poiché comporta la rimozione dell'utero, questa procedura viene eseguita solo per le donne con endometriosi che non hanno intenzione di rimanere incinta di nuovo.

Isterectomia

L'isterectomia è una procedura per rimuovere l'utero che viene eseguita in anestesia generale. Esistono diversi tipi di isterectomia che possono essere eseguiti, tra cui:

  • Isterectomia totale, che include la rimozione dell'utero e della cervice.
  • Isterectomia sopracervicale o parziale, comporta la rimozione dell'utero superiore ma lasciando la cervice in posizione.
  • Isterectomia radicale, che include un'isterectomia totale che rimuove anche le strutture intorno all'utero. Questo di solito viene fatto se c'è sviluppo di cancro intorno all'utero.

L'isterectomia può essere eseguita in vari modi, vale a dire per via vaginale, addominale o per via laparoscopica, a seconda delle condizioni del paziente.

L'isterectomia vaginale è la rimozione dell'utero attraverso la vagina. Questa procedura non può essere eseguita su donne che hanno aderenze da precedenti interventi chirurgici o che hanno un utero grande. L'isterectomia vaginale causa meno complicazioni e tempi di guarigione relativamente più rapidi rispetto all'isterectomia addominale o laparoscopica.

Isterectomia addominale è la rimozione dell'utero attraverso un'incisione nel basso addome. A differenza di un'isterectomia vaginale, un'isterectomia addominale può essere eseguita su donne che hanno aderenze o hanno un grande utero. Tuttavia, il rischio di complicanze è maggiore, che può causare infezioni della ferita, sanguinamento, coaguli di sangue e danni ai nervi e ai tessuti. Questo è il motivo per cui il periodo di recupero per un'isterectomia addominale tende ad essere più lungo rispetto alle altre due procedure di isterectomia.

Isterectomia laparoscopica richiede solo alcune piccole incisioni, circa quattro centimetri, nell'addome per rimuovere l'utero. Rispetto alle altre due procedure di isterectomia, un'isterectomia laparoscopica comporta meno dolore e complicanze e quindi un recupero più breve. Potresti essere in grado di tornare alle normali attività prima.

Tuttavia, fai attenzione ai possibili rischi di complicazioni che possono verificarsi, come lesioni alle vie urinarie e ad altri organi. Pertanto, fai controlli regolari con il tuo medico per monitorare i risultati del tuo intervento chirurgico.

ovariectomia

L'ovariectomia è una procedura per rimuovere le ovaie (ovaie) per trattare l'endometriosi. Quando entrambe le ovaie vengono rimosse, la procedura chirurgica è chiamata ovariectomia bilaterale. Nel frattempo, se viene rimossa solo un'ovaia, si parla di ovariectomia unilaterale.

L'ovariectomia può essere eseguita in due modi, vale a dire la chirurgia addominale o la chirurgia laparoscopica. La chirurgia addominale viene eseguita praticando un'incisione nell'addome e separando accuratamente i muscoli addominali, quindi le ovaie vengono rimosse. Mentre la chirurgia laparoscopica richiede l'aiuto di un laparoscopio per vedere e rimuovere le ovaie.

L'ovariectomia può aiutare a ridurre il dolore a lungo termine dell'endometriosi. Tuttavia, una volta rimosse le ovaie, gli effetti collaterali possono peggiorare i bassi livelli di estrogeni. Inoltre, aumenta il rischio di osteoporosi quando si entra presto in menopausa. Per ovviare a questo, puoi consultare un medico per eseguire determinate procedure per proteggere le tue ossa.