La salute delle donne

L'importanza delle donne che vanno dal ginecologo anche quando non sono incinte

Al fine di mantenere una buona salute sessuale e riproduttiva, arriverà il momento nella vita di ogni giovane donna di iniziare a visitare un ostetrico per un controllo annuale, anche se non è incinta.

Il pensiero di visitare un ostetrico, soprattutto per la prima volta, può risultare un po' a disagio per alcune donne perché il medico può vedere le parti più intime del tuo corpo o perché sei riluttante a discutere di questioni intime. Ma non preoccuparti. È dovere di un medico farti sentire a tuo agio a parlare di cose che sono state considerate tabù.

Ecco uno schema sulla preparazione e su cosa succede durante l'appuntamento con il tuo ginecologo di scelta per alleviare le tue preoccupazioni.

Quando fissare un appuntamento con un ginecologo?

Non c'è bisogno di un motivo concreto per iniziare a visitare un ginecologo. Il Congresso americano di ostetrici e ginecologi (ACOG) raccomanda alle donne di fissare il loro primo appuntamento quando hanno 13-15 anni o all'età in cui si diventa sessualmente attivi.

Altri motivi per visitare un ginecologo includono un trattamento per periodi dolorosi e/o irregolari, infezioni vaginali, pianificazione del controllo delle nascite, controllo delle infezioni sessualmente trasmissibili (IST), per selezione possibile cancro. Se c'è un motivo specifico per il tuo appuntamento, faglielo sapere.

Quando fissi l'appuntamento, dì alla receptionist o all'infermiera che questa è la tua prima visita e, a meno che non si tratti di una visita di emergenza, prova a programmare una visita quando non hai il ciclo.

Nota: non è necessario radersi o depilare i peli pubici prima di consultare un medico, assicurati solo di fare la doccia e sciacquare accuratamente la vagina, ma non fare una doccia vaginale.

Cosa è successo nella stanza di consultazione con l'ostetrico

Il primo appuntamento con un ginecologo di solito inizia con un controllo sanitario generale, come la misurazione dell'altezza e del peso e il controllo della pressione sanguigna. Dopodiché il medico si immergerà più a fondo nella tua storia medica.

Dovresti essere preparato ad essere onesto nel discutere i recenti cambiamenti nella tua salute e il primo giorno del tuo ultimo ciclo mestruale, come era il tuo ciclo mestruale, la tua storia medica familiare, il tuo stile di vita, quando hai avuto il primo ciclo e quando hai iniziato ad essere sessualmente attivo; compresa l'attività sessuale, il numero di partner sessuali che hai (attuali e precedenti), se sono maschi o femmine - questi sono tutti completamente normali.

Per una ragazza adolescente o non sessualmente attiva, la visita dal ginecologo generalmente si ferma qui, a meno che non abbia un problema specifico che richieda un ulteriore esame; vale a dire l'esame fisico.

Cosa succede durante un esame fisico da un ginecologo

Dopo che tutte le informazioni sono state ottenute, l'infermiera ti accompagnerà nella stanza degli esami e ti chiederà di spogliarti completamente. Ti verrà dato un vestito con apertura sul davanti e un lenzuolo per coprirti il ​​grembo. Quindi, ti verrà chiesto di sdraiarti e appoggiare i piedi su un poggiapiedi (chiamato anche "staffa").

Se hai problemi o se sei sessualmente attivo, il medico può ordinare i seguenti tre test:

1. Esame obiettivo di base

Il medico eseguirà un esame fisico approfondito, che va dall'esame del collo per possibili anomalie della tiroide; un esame del seno, che include la ricerca di tenerezza, noduli, secrezione dal capezzolo e cambiamenti della pelle; e un esame dell'area esterna della tua vagina per qualsiasi scolorimento insolito della pelle, piaghe, noduli o perdite vaginali. Se hai domande specifiche, puoi chiedere uno specchio e mostrare al tuo medico le aree che ti interessano. Quindi l'esame fisico passerà a un esame pelvico.

2. Esame pelvico

Durante un esame pelvico, il medico inserirà un dito o due nella vagina mentre mette una mano sullo stomaco, nell'area pubica, per sentire gli organi interni. Il medico può anche utilizzare uno speculum per aprire e trattenere la parete vaginale per visualizzare la cervice. Se l'esame pelvico include un Pap test (solo per le donne di 21 anni e più), il medico preleverà un campione delle cellule cervicali prima di rimuovere lo speculum. Questo campione sarà utilizzato per testare il cancro del collo dell'utero e alcuni tipi di infezioni. Il pap test può essere un po' scomodo.

Durante un esame pelvico, potresti sentire una certa pressione, che è leggermente fastidiosa e potrebbe causare macchie leggere in seguito: questo è normale. Le pareti vaginali sono morbide e possono allungarsi per accogliere qualcosa di grande come un bambino, quindi non dovrebbe essere doloroso. Se sei sessualmente attivo, il tuo medico può anche testarti per le malattie sessualmente trasmissibili (MST) come la gonorrea, la clamidia, la sifilide e l'HIV. Per testare le malattie sessualmente trasmissibili, il medico preleverà un campione di tessuto e/o eseguirà un esame del sangue durante un esame pelvico.

3. Esame bimanuale

Dopo che lo speculum è stato rimosso, il medico esaminerà le dimensioni del tuo utero per verificare il dolore quando la cervice viene spostata, sentirai le ovaie e le tube di Falloppio dall'esterno del corpo per verificare la presenza di anomalie nell'area pelvica. Questa parte dell'esame fisico viene eseguita manualmente, con il medico che utilizza un dito guantato lubrificato e esercita pressione sull'addome con l'altra mano. Si può anche fare un esame rettale. Ciò comporterà che l'ostetrico inserisca un dito guantato nel retto per cercare sintomi sospetti.

Cosa chiedere al ginecologo durante la consultazione?

La visita ginecologica dura solo 20 minuti circa. Pertanto, è meglio se vieni preparato con un elenco di domande specifiche che vuoi discutere e nessuna domanda è fuori dai limiti; che vanno dai problemi mestruali al sesso, all'orgasmo, alla fertilità e alla gravidanza, al rischio di malattie veneree, all'aborto.

È importante non lasciare l'ufficio del medico senza rivelare qualcosa di importante che potrebbe influenzare il tipo di test che dovrebbe avere. Ricorda, i medici non sono lì per giudicarti; il loro unico obiettivo è quello di trattarti nel modo migliore per il tuo corpo.

La dottoressa Sara Mornar, un'ostetrica del Texas, come riportato da Medical Daily, consiglia ai pazienti di porre al proprio medico le seguenti domande:

  • Perché sono necessari i pap test e con che frequenza ne ho bisogno?
  • Quando ho bisogno di una mammografia?
  • Come prevenire la gravidanza e le malattie sessualmente trasmissibili?
  • Che cos'è l'HPV e ho bisogno del vaccino HPV?

Dopo la prima visita, le donne di età compresa tra 21 e 29 anni dovrebbero visitare regolarmente il proprio ostetrico almeno una volta all'anno per un Pap test. Le persone di età compresa tra 30 e 64 anni dovrebbero generalmente visitare ogni due anni per una mammografia. Tuttavia, i medici di oggi sanno più che mai dell'HPV e della sua relazione con i risultati anormali del Pap test. Hanno capito che le giovani donne di oggi non hanno lo stesso rischio HPV delle generazioni precedenti di donne, quindi le linee guida per l'età della tua visita di follow-up saranno più flessibili.

Dopo tutti gli esami fisici e le consultazioni, hai superato con successo la tua prima visita ginecologica. Ma se c'è un momento durante la visita del medico in cui ti senti a disagio, hai il diritto e dovresti chiedere di terminare la consultazione. Hai il controllo del tuo corpo e della tua salute.

LEGGI ANCHE:

  • Macchie di sangue compaiono quando non hai le mestruazioni: dovresti preoccuparti?
  • È vero che allevare un gatto ti rende difficile rimanere incinta?
  • Cosa succede quando si contrae l'AIDS?