Salute degli occhi

Post intervento di cataratta, a cosa bisogna prestare attenzione?

Si dice che la chirurgia della cataratta sia il trattamento più efficace per la cataratta. In genere, questa procedura è breve e il rischio di complicanze è minimo. Tuttavia, potresti riscontrare alcuni effetti collaterali dopo aver subito un intervento di cataratta. È inoltre necessario prestare attenzione al trattamento e alle cose da fare e da non fare dopo l'intervento di cataratta. Per maggiori dettagli, vedere la spiegazione seguente.

Come è il processo di recupero dopo l'intervento di cataratta?

La cataratta è una condizione in cui la lente trasparente dell'occhio diventa torbida e provoca una visione offuscata. La causa più comune di cataratta è l'invecchiamento.

La chirurgia della cataratta è una procedura per sostituire la lente dell'occhio offuscata con una lente artificiale in modo che la visione possa tornare a essere chiara. Citata dalla Mayo Clinic, questa procedura riesce a ripristinare la vista della maggior parte dei pazienti affetti da cataratta.

Dopo l'intervento chirurgico, i sintomi della cataratta inizieranno a migliorare in pochi giorni. Tuttavia, la tua vista potrebbe ancora apparire sfocata nelle prime fasi del recupero dopo l'intervento chirurgico. Questa è una cosa normale.

Il tuo oculista controllerà il processo di recupero dopo l'intervento di cataratta. Pertanto, probabilmente vedrai il tuo oculista più volte, di solito un giorno, una settimana, un mese, due mesi e sei mesi dopo l'intervento di cataratta.

Ad ogni appuntamento dopo aver subito un intervento di cataratta, il medico eseguirà diversi esami, come:

  • Controllo degli occhi
  • Test dell'acuità visiva
  • Misurazione della pressione oculare
  • Determinare la prescrizione degli occhiali, se necessario

Per diverse settimane, si consiglia di applicare colliri antibiotici e antinfiammatori più volte al giorno per prevenire l'infezione e ridurre l'infiammazione. Per circa una settimana dopo l'intervento, si consiglia di indossare una protezione per gli occhi durante il sonno.

Quali sono i rischi che possono insorgere dopo un intervento di cataratta?

Le complicazioni dopo l'intervento di cataratta sono rare e, se presenti, la condizione può essere trattata rapidamente. Di seguito sono riportati i rischi o gli effetti collaterali che possono verificarsi dopo l'intervento di cataratta:

  • Infiammazione
  • Infezione
  • sanguinante
  • Rigonfiamento
  • Palpebre cadenti
  • Dislocazione artificiale della lente
  • Distacco della retina
  • Glaucoma
  • Cataratta secondaria
  • Perdita della vista

Il rischio di complicanze è maggiore se si soffre di un'altra malattia agli occhi o di una condizione medica grave. In alcuni casi, la chirurgia della cataratta fallisce perché il danno agli occhi deriva da un'altra condizione, come il glaucoma o la degenerazione maculare.

Glaucoma

Le cataratte secondarie sopra menzionate sono anche conosciute come opacizzazione della capsula posteriore (PCO). Questa condizione è una complicazione che di solito si verifica nelle persone che hanno subito un intervento di cataratta.

La cataratta secondaria si verifica quando la parte posteriore della capsula del cristallino diventa torbida e interferisce con la vista. La parte posteriore di questa lente è la parte della lente che non è stata rimossa durante l'intervento di cataratta e supporta la lente artificiale che è stata impiantata durante il primo intervento.

La cataratta secondaria viene trattata con una procedura ambulatoriale e ha vita breve. Questa procedura è nota come capsulotomia laser ittrio-alluminio-granato (YAG). Dopo questa procedura, sarai monitorato da un medico per assicurarti che la pressione oculare non aumenti.

Altre complicazioni meno comuni della chirurgia della cataratta includono l'aumento della pressione oculare e il distacco di retina.

Cosa posso fare per prevenire le complicazioni dopo l'intervento di cataratta?

Per ottenere i massimi risultati, ci sono diverse cose che dovresti fare dopo aver subito un intervento di cataratta, tra cui:

  • Usa colliri per ridurre alcuni degli effetti, come bruciore o prurito.
  • Evita le attività faticose che possono rendere problematico il tuo corpo o le condizioni degli occhi.
  • Se vuoi fare esercizio, fai prima un esercizio leggero durante il periodo di recupero dell'intervento di cataratta in modo da non esercitare una pressione eccessiva sul corpo che può influenzare gli occhi.
  • Indossa una protezione per gli occhi se vuoi stare fuori casa tutto il giorno, anche mentre dormi, per evitare che le mani si sfreghino accidentalmente gli occhi.
  • Proteggi i tuoi occhi dall'acqua usando una barriera o una protezione per gli occhi durante la doccia.

Oltre a fare le cose che sono raccomandate dopo l'intervento di cataratta, devi anche prestare attenzione ad alcuni tabù che devono essere rispettati nel trattamento dopo l'intervento di cataratta, come ad esempio:

  • Strofinare gli occhi in quanto può aumentare il rischio di infezione. Chiedi al tuo medico cosa dovresti fare se senti che un oggetto estraneo è entrato nel tuo occhio e sta causando prurito.
  • Fai un bagno caldo o nuota, per almeno 2 settimane dopo l'intervento di cataratta, perché anche l'acqua che entra negli occhi può causare infezioni.
  • Guidare almeno 24 ore dopo l'intervento di cataratta perché può mettere a dura prova gli occhi.
  • Non applicare il trucco intorno agli occhi (anche se si tratta di ingredienti naturali) fino a quando i tuoi occhi non saranno completamente guariti. Chiedi al tuo oculista quando puoi iniziare a usare trucco occhi di nuovo.

Antibiotici per prevenire le complicanze

Oltre ai modi che si possono fare, esistono anche trattamenti per prevenire il rischio di complicanze dopo un intervento di cataratta con antibiotici somministrati da un oftalmologo. Ecco i modi più comuni che i medici usano per somministrare antibiotici dopo l'intervento di cataratta:

1. Iniettato nell'occhio

L'iniezione del farmaco direttamente nella camera anteriore (lo spazio tra la cornea e l'iride, che è piena di liquido) subito dopo l'intervento di cataratta è un trattamento che si è dimostrato efficace nel ridurre il rischio di infezione.

I farmaci antibiotici comunemente usati in questo metodo sono:

  • Cefalosporine, come cefuroxime e cefazolina.
  • Vancomicina che può ridurre il numero di batteri che causano infezioni agli occhi dopo l'intervento chirurgico.
  • Il gruppo dei fluorochinoloni di quarta generazione, la moxifloxacina, che agisce per uccidere i batteri gram-positivi e gram-negativi, fornendo così una protezione più ampia.

2. Collirio antibiotico prima dell'intervento chirurgico

La maggior parte delle infezioni che si verificano dopo l'intervento di cataratta sono causate da microrganismi che vivono negli occhi. Quindi, è possibile eseguire colliri antibiotici prima dell'intervento chirurgico per ridurre al minimo il maggior numero possibile di batteri negli occhi.

Alcuni tipi di colliri comunemente usati sono:

  • Gatifloxacina, fluorochinolone di quarta generazione
  • Levofloxacina, un fluorochinolone di terza generazione
  • Ofloxacina (fluorochinolone di seconda generazione)
  • Polimixina o trimetoprim

Dei quattro farmaci di cui sopra, la gatifloxacina può essere assorbita più efficacemente nel bulbo oculare in modo che agisca più velocemente per prevenire il rischio di infezione.