Allergia

Allergia alla frutta, quali sono i segni? |

In genere, le allergie alimentari sono causate da ingredienti che contengono noci, latte o anche altre fonti proteiche. Sapevate però se c'è anche chi ha un'allergia alla frutta?

Proprio come altre allergie alimentari, le allergie alla frutta causano prurito dopo averle mangiate. Quindi, perché qualcuno può sperimentare un'allergia alla frutta?

Che cos'è un'allergia alla frutta?

L'allergia alla frutta è una condizione in cui il corpo di una persona considera pericolose le sostanze contenute nel frutto, provocando una reazione allergica sotto forma di prurito o gonfiore dopo averlo consumato. Queste sostanze sono anche comunemente chiamate allergeni.

In primo luogo, il corpo sperimenta la sensibilizzazione, vale a dire quando l'esposizione alle allergie entra nel corpo, il sistema immunitario vedrà la sostanza come una minaccia pericolosa.

Quindi, il corpo produce anticorpi che attiveranno il rilascio di sostanze che combattono gli allergeni come l'istamina. Il rilascio di istamina che incontra l'allergene è ciò che causerà una reazione allergica.

Nelle persone con allergie alla frutta, una possibile causa è il contenuto di profilina, un tipo di proteina vegetale, nella frutta. Questa proteina svolge un ruolo nella formazione delle cellule vegetali e può essere trovata in meloni, angurie, arance e banane.

Ci sono anche due condizioni che spesso scatenano reazioni allergiche alla frutta, ovvero la sindrome allergica orale e l'allergia al lattice.

Sindrome orale allergica (sindrome da allergia al polline-cibo) innescato da una proteina della frutta che è simile a una proteina che provoca allergia. Questa proteina che causa allergie alimentari si trova solitamente nel polline, come l'ambrosia, la betulla, l'artemisia e l'erba.

Di seguito è riportato un gruppo di frutti che contengono la proteina.

  1. Proteinapolline di betulla, che si trova in mele, ciliegie, kiwi, pesche, pere e prugne.
  2. Proteine ​​del polline d'erba si trova in meloni, arance, pesche e pomodori.
  3. Proteine ​​del polline dell'ambrosia trovato nelle banane.

Un'altra condizione è l'allergia al lattice. Se il tuo corpo è sensibile a determinate proteine ​​presenti nel lattice di gomma, è più probabile che tu sia sensibile ai frutti che hanno un contenuto proteico simile al lattice.

Alcuni frutti che contengono proteine ​​simili al lattice includono albicocche, noci di cocco, bacche di goji, jackfruit, litchi, mango, banane e avocado. L'allergia alla frutta dovuta alla somiglianza delle proteine ​​nelle piante viene spesso definita anche reazione incrociata.

Chi è a rischio di allergie?

Le persone con una storia di reazioni allergiche al polline di betulla, ambrosia o graminacee possono sviluppare una sindrome allergica orale. Tuttavia, questa condizione di solito non si trova nei bambini.

D'altra parte, i bambini di età pari o superiore a 10 anni o adolescenti e giovani adulti possono effettivamente sperimentare allergie alla frutta anche se mangiano la stessa frutta da anni. Questo perché la sensibilità orale può svilupparsi con l'età.

Sintomi che possono essere avvertiti quando si verifica una reazione allergica

Le reazioni allergiche di solito compaiono entro pochi minuti dal consumo del frutto scatenante. Tuttavia, ci sono anche alcune persone che sperimentano una reazione solo dopo una o due ore. Alcuni dei sintomi di un'allergia alimentare causata dalla frutta includono:

  • eruzione cutanea sulla pelle,
  • pelle pruriginosa,
  • gonfiore e prurito delle labbra, della lingua e dell'area all'interno della bocca,
  • prurito alla gola,
  • mal di stomaco, nausea e vomito,
  • starnutire e
  • avere un raffreddore.

Si prega di notare che questi sintomi generalmente durano solo pochi secondi o minuti. Questo perché le proteine ​​della frutta possono essere rapidamente scomposte dalla saliva. Queste allergie di solito scompaiono rapidamente e non richiedono un trattamento serio.

Inoltre, le proteine ​​che causano sindrome polline-cibo non molto forte contro il calore o l'acido nello stomaco.

Ecco perché le persone con questa allergia hanno meno probabilità di manifestare reazioni gravi rispetto ad altri tipi di allergie alimentari. Alcune persone inoltre non manifestano sintomi di allergia dopo aver mangiato frutta cotta.

Tuttavia, c'è ancora una piccola possibilità di sperimentare l'anafilassi, che è una grave reazione sintomatica che rende difficile la deglutizione e la respirazione. Questa condizione è pericolosa e può essere pericolosa per la vita. Se si verifica questo, cercare immediatamente assistenza medica.

Superare e prevenire le allergie alla frutta

Prima di intraprendere il trattamento e la prevenzione, è necessario innanzitutto determinare se i sintomi che si verificano sono sintomi di allergie. Per scoprirlo, devi andare dal medico per un test allergologico.

I test di allergia alimentare che possono essere eseguiti sono i test cutanei e gli esami del sangue. Insieme ai dati che il medico ottiene durante un esame fisico, i risultati del test forniranno un quadro chiaro della tua condizione.

Se ti è stata davvero diagnosticata questa allergia, inizia a evitare cibi o bevande che contengono frutta scatenante, compresi i prodotti di bellezza che utilizzano la frutta come ingrediente, come il balsamo per le labbra.

Quando vai a fare la spesa, ricorda di leggere sempre le etichette degli ingredienti. Assicurati che il prodotto che acquisti sia privo di frutta che può scatenare le tue allergie.

In alcuni casi, la cottura di alcuni tipi di frutta e verdura può distruggere e alterare le proteine ​​che causano la sindrome allergica orale. Tuttavia, questo dipende dal tipo di frutto che innesca la reazione.

Generalmente, ci sono alcuni frutti e verdure che hanno le loro condizioni quando vengono cotti. Noci e sedano, ad esempio, contengono alcuni allergeni e non tutti vengono distrutti dal calore. Nella frutta, anche gli allergeni delle fragole sono resistenti al calore.

Allergia alle arachidi: cause, sintomi, trattamenti, ecc.

I succhi di frutta pastorizzati sono generalmente sicuri per il consumo. La maggior parte delle fonti di cibo come pomodori, mele, patate, pere e altri frutti di bosco sono meglio cotti in anticipo per distruggere le proteine ​​allergeniche.

Se non sei sicuro della frutta che vuoi mangiare, consulta un allergologo. In seguito possono aiutarti a compilare la tua dieta e fornire un elenco di assunzioni di frutta consigliate che sono sicure da mangiare.

Per quelli di voi che hanno una grave reazione allergica, il medico vi farà un'autoiniezione di adrenalina che deve essere sempre con voi. Quindi, quando si verifica la reazione, puoi iniettare direttamente il farmaco prima di andare al pronto soccorso.