Gravidanza

Come dare alla luce un bambino morto nel grembo materno •

Sapere che il bambino è morto nell'utero dopo che l'età dell'utero raggiunge l'età di 20 settimane ( nato morto ) è davvero doloroso. Questa è una triste notizia per la madre e la sua famiglia. Il bambino atteso si scopre che deve morire prima di poter nascere, anche se il momento della nascita è vicino. Questa brutta notizia può lasciare la madre scioccata, confusa, frustrata e non sapendo cosa fare quando lo scopre.

I bambini che muoiono nel grembo materno devono ancora nascere

In questo momento, la madre deve rimuovere immediatamente il bambino nel suo grembo materno senza indugio. La madre deve prepararsi per una procedura di parto. Si spera che la madre possa perdonare e avere ancora l'energia per poter dare alla luce il suo bambino morto, in modo che non ci siano problemi durante la procedura di consegna.

Alcune madri possono essere pronte per essere indotte immediatamente in quel momento per stimolare le contrazioni uterine, in modo che la madre possa partorire rapidamente e normalmente. Se la cervice della madre non si è dilatata, il medico somministrerà un medicinale alla vagina della madre per stimolare la dilatazione cervicale. Alla madre verrà anche somministrata un'infusione dell'ormone ossitocina per stimolare le contrazioni uterine.

Altri possono richiedere alcuni giorni (1-2 giorni) per prepararsi a consegnare il bambino. Tuttavia, se la madre ha un'infezione, il medico consiglierà di espellere immediatamente il bambino.

Ad alcune madri può essere consigliato di partorire con taglio cesareo. Ad alcune madri con determinate condizioni verrà consigliato di sottoporsi a un taglio cesareo, ad esempio se la posizione del bambino non è normale (la testa del bambino non è al di sotto della cervice), la madre ha o ha avuto anomalie della placenta, il bambino è più grande del dimensioni del bacino della madre, la madre partorisce mediante taglio cesareo chirurgico in precedenti gravidanze, gravidanze multiple e altre condizioni speciali. Il taglio cesareo viene eseguito per evitare complicazioni durante il parto, come il sanguinamento.

Oltre al normale parto o taglio cesareo, il processo di rimozione dei nati morti può essere eseguito anche mediante dilatazione e curettage (D & C) o meglio noto come curettage. Questa procedura viene eseguita se l'età gestazionale della madre è ancora nel secondo trimestre. Questa procedura ha meno complicazioni rispetto alla procedura di induzione nel tentativo di avere un parto normale.

Il processo di dare alla luce un bambino nato morto è ancora doloroso?

La procedura per dare alla luce un bambino nato morto non è molto diversa dalla procedura per dare alla luce un bambino vivo. Dopo aver partorito con una normale procedura di parto, continuerai a sperimentare contrazioni con lo stesso livello di dolore. Sentirai anche lo stesso dolore nel tuo corpo. Potresti anche provare sanguinamento vaginale, crampi uterini e dolore perineale dopo il parto.

Per alleviare il dolore, il medico può prescrivere farmaci. Hai più opzioni per poter alleviare il dolore dopo il parto, perché i vari modi che prendi non metteranno a rischio il tuo bambino.

Come ti senti dopo aver partorito un bambino morto?

Dopo il parto, ovviamente, anche il tuo corpo ha bisogno di tempo per riprendersi. Potrebbe essere necessario essere ricoverati in ospedale per diversi giorni. Pochi giorni dopo il parto, potresti sentire pienezza nel tuo seno perché il tuo seno sta già producendo latte. Anche il tuo seno secernerà il latte. Questa è una cosa normale che accada. Nel tempo, la tua produzione di latte si fermerà e il tuo latte andrà perso, ma il tuo seno potrebbe sentirsi dolorante e tenero per un po'.

Oltre al recupero fisico, hai sicuramente bisogno anche del recupero emotivo. Questo può essere un processo lungo, tra le madri può variare. Non è facile accettare il fatto di aver perso, ma bisogna essere sinceri e pazienti. In questo momento, hai bisogno del sostegno dei tuoi cari, specialmente di tuo marito. Accetta l'aiuto quando ne hai bisogno e non soffermarti troppo a lungo sul dolore, anche se il dolore è normale per tutte le madri che hanno perso di recente un bambino.

Dopo aver subito una perdita, alcune madri di solito hanno un forte bisogno di rimanere incinta di nuovo. Alcune di voi potrebbero voler provare a rimanere incinta presto, ma è meglio consultare prima il medico per prepararsi meglio alla gravidanza. Dovresti sapere qual è stata la causa della morte del tuo bambino, in modo che nella prossima gravidanza tu possa prenderti cura del tuo grembo fino a quando il bambino non nasce sano. In alcuni casi la morte in utero potrebbe non essere spiegata a cosa l'ha causata.

LEGGI ANCHE

  • Varie cause di natimortalità (morte in utero)
  • Fare i conti con la sentenza di aborto spontaneo
  • 10 cose da fare durante il primo trimestre di gravidanza