Nutrizione

Nutrigenomica: mangiare cibo secondo i tuoi geni •

Ci sono persone che spesso mangiano molto ma non ingrassano facilmente, ci sono anche il contrario. Oppure ci sono persone che consumano spesso un ingrediente alimentare e quindi non manifestano effetti collaterali dovuti al consumo del cibo, ma c'è anche chi ne ha appena mangiato poco e ne avverte subito gli effetti collaterali. Perchè è successo?

Ogni essere umano è diverso, non solo in termini di caratteristiche fisiche e forme, ma anche di geni e persino di metabolismo. Pertanto, ogni persona ha una sensibilità e un potere digestivo diversi. Sta emergendo una nuova scienza, che collega la dieta o ciò che mangiamo, e la sua relazione con i geni e il DNA che regolano le funzioni del corpo. Questa scienza si chiama nutrigenomica.

Cos'è la nutrigenomica?

La nutrigenomica è una scienza che studia la risposta dei geni al cibo che mangi, che mira a scoprire in anticipo quali cambiamenti avverranno dopo che il cibo è entrato nel corpo. La nutrigenomica è anche associata all'incidenza di varie malattie che possono essere causate dal cibo.

Nel 2001, lo scienziato che ha condotto Progetto Genoma Umano ha affermato che i geni umani sono stati mappati con successo, in modo da poter vedere l'interazione tra i geni con il cibo e l'ambiente, nonché le interazioni geniche associate a varie malattie croniche. La nutrigenomica è considerata come i bisogni nutrizionali di ogni individuo in base ai geni che possiede. Ci sono 5 principi che stanno alla base di questa scienza, vale a dire:

  • I nutrienti influenzano i geni umani, anche se gli effetti si verificano direttamente o indirettamente.
  • In determinate condizioni, la dieta o le sostanze alimentari consumate costituiscono un fattore di rischio per provocare una malattia.
  • I nutrienti contenuti negli alimenti hanno una grande influenza sul rendere il corpo sano o malato, questo dipende dal corredo genetico di ogni individuo.
  • Diversi geni nel corpo, il cui numero e la cui struttura sono regolati e influenzati dalla dieta, possono influenzare la gravità di una malattia cronica.
  • Consumo di cibo in base alle esigenze di ogni individuo, può essere utilizzato per prevenire, curare e curare diverse malattie croniche.

Ognuno ha geni diversi, almeno l'altro ha una differenza genetica dello 0,1%. Nella nutrigenomica, il cibo che entra nel corpo è considerato un segnale che può influenzare l'attività genica nel corpo. Inoltre, è anche noto che il cibo modifica la struttura dei geni in modo che possa causare vari disturbi nel corpo se i geni cambiano.

Relazione tra cibo e geni sul metabolismo dei grassi

Uno studio ha dimostrato che esiste una relazione e un'interazione tra nutrienti e geni durante il metabolismo dei grassi. I risultati di questo studio indicano che gli individui che hanno un determinato gene (gene allele APOA1*A) hanno livelli più elevati di colesterolo cattivo (LDL) rispetto agli individui che hanno un altro gene (gene allele APOA1*G) dopo aver consumato una dieta ricca di grassi monoinsaturi , come avocado, olio di colza, olio d'oliva e alcune noci.

All'inizio, i livelli di LDL nelle persone che hanno il gene allele APOA1*A sono solo del 12%, quindi dopo aver consumato queste fonti di cibo, i livelli di LDL aumentano al 22%. L'aumento dei livelli di LDL nel corpo può causare varie malattie croniche come il diabete mellito di tipo 2, la malattia coronarica e altre malattie cardiache. Altri studi hanno anche dimostrato che mangiare cibi che contengono grassi polinsaturi, come olio di pesce, semi di soia e olio di cocco, in individui con determinati geni può ridurre i livelli di colesterolo buono (HDL) nel corpo, mentre in altri individui aumenta i livelli di HDL . .

Relazione tra cibo e geni nel diabete mellito di tipo 2

Molti studi menzionano la relazione tra cibo e geni nei diabetici, come la ricerca condotta nei Paesi Bassi. In questo studio, è stato scoperto che i bambini nati con una condizione di "fame" caratterizzata da basso peso alla nascita tendono ad avere livelli di zucchero nel sangue postprandiali più elevati. Anche un altro studio in India ha mostrato la stessa cosa, vale a dire che i bambini con un indice di massa corporea inferiore al normale nei primi due anni di vita avranno un alto rischio di sviluppare il diabete. Pertanto, si può concludere che una cattiva alimentazione in gravidanza e nei primi anni di vita ha un effetto negativo sul metabolismo dei carboidrati e della glicemia, che si tradurrà nel diabete mellito di tipo 2.

La nutrigenomica è in realtà ancora controversa in campo medico, perché coinvolge i geni di ogni individuo. Questa può essere una nuova svolta che può aiutare e superare varie malattie croniche come malattie cardiache, cancro e diabete mellito. Ma d'altra parte, la nutrigenomica deve ancora essere studiata ulteriormente se può essere applicata correttamente, perché ogni individuo è diverso, quindi le sue esigenze sono diverse. Tuttavia, per ora, attuare uno stile di vita sano come gestire il tempo, il tipo e la porzione di cibo, fare esercizio fisico regolare e riposare a sufficienza è il miglior consiglio e può essere fatto da tutti.

LEGGI ANCHE

  • 5 tipi di alimenti che causano lo stomaco dilatato
  • Suggerimenti per vivere una dieta sana
  • 5 alimenti che causano lo stomaco gonfio