Medicina a base di erbe e alternativa

Tutto quello che c'è da sapere sul cannabidiolo (CBD): usi, effetti collaterali, interazioni |

Uno dei composti che puoi trovare nella marijuana è il cannabidiolo. Si ritiene che questa sostanza sia benefica per la salute umana, sebbene vi sia ancora un dibattito sulla sua sicurezza. Quindi, in primo luogo, cos'è questo farmaco e quali sono i vantaggi che offre?

Cos'è il cannabidiolo?

Il cannabidiolo o abbreviato come CBD è un composto chimico nelle piante Cannabis sativa o meglio conosciuta come marijuana. Il CBD è una sostanza contenuta nella marijuana che risulta essere piuttosto importante nel mondo della salute.

Uno dei centinaia di componenti della marijuana che non causano allucinazioni agli utenti, questo non mostra gli effetti della dipendenza o il potenziale di abuso. Secondo la FDA ( US Food & Drug Administration ), questo composto è stato addirittura studiato come uno dei nuovi trattamenti.

La maggior parte delle persone che assumono questa sostanza per via orale mirano ad aiutare a superare varie malattie. Si va dai disturbi d'ansia, all'epilessia, alla schizofrenia.

Benefici per la salute del cannabidiolo

Il CBD è stato testato da diversi studi per scoprire quanto impatto ha sulla tua salute. Una malattia che può avere abbastanza successo con l'uso di questo farmaco è la sindrome dell'epilessia. I sintomi sperimentati dalle persone con epilessia si riducono quando si usa questa sostanza.

Come riportato da Medline Plus , alcuni prodotti CBD possono ridurre i sintomi delle convulsioni sia negli adulti che nei bambini. Il tipo di sindrome da epilessia trattata più efficacemente dal cannabidiolo è la sindrome tomba o Lennox-Gastaut.

È noto che alcune persone con questo tipo di epilessia e che assumono farmaci contenenti CBD hanno una diminuzione delle convulsioni. In effetti, alcuni di loro non hanno affatto convulsioni.

Sebbene sembri efficace per l'epilessia, devi prima sapere con certezza quale tipo di sindrome stai vivendo. Il CBD può infatti ridurre le convulsioni, ma non tutti i tipi di sindromi epilettiche possono essere trattati con questo farmaco.

Oltre all'epilessia, diverse altre malattie che possono essere trattate con CBD, come:

  • Schizofrenia . L'uso di questa sostanza quattro volte al giorno per 4 settimane può ridurre i sintomi psicotici. Tuttavia, questo effetto si vedrà se la durata e il dosaggio d'uso sono ragionevoli e corretti.
  • Aiutaci a smettere di fumare . L'inalazione di cannabidiolo con un inalatore per una settimana può ridurre il numero di sigarette del 40%.
  • Aiuta a superare i disturbi d'ansia . Il consumo di 300 mg di CBD può ridurre l'ansia nelle persone con disturbi d'ansia. Se la dose di CBD è eccessiva, può effettivamente peggiorare il disturbo.

Effetti collaterali dell'uso

Il cannabidiolo è un farmaco sicuro se assunto per via orale. Oltre a ciò, puoi anche spruzzare CBD proprio sotto la lingua.

Generalmente, la dose normale raccomandata di questo farmaco è di 300 mg per l'uso quotidiano per 6 mesi. Se il suo uso è eccessivo, ovviamente si verificheranno effetti collaterali, come:

  • bocca asciutta
  • Diminuzione della pressione sanguigna
  • Male alla testa
  • Assonnato

Pertanto, si consiglia di consultare un medico prima di utilizzare questo farmaco come farmaco terapeutico. Questo è così che tu conosca la dose giusta e in base alle tue condizioni corporee.

Molte persone dicono che uno dei benefici del cannabidiolo è che può curare il cancro. In effetti, fino ad ora il CBD è stato utilizzato solo come farmaco terapeutico per le persone con determinati tipi di epilessia.

Sono ancora necessarie ulteriori ricerche per scoprire se il CBD è davvero sicuro da usare per trattare i problemi del corpo umano.