genitorialità

È vero che l'amore di un padre è più grande per sua figlia?

Ogni genitore ha il suo modo di crescere i propri figli, compresi i padri. Di solito si ritiene che i padri abbiano un trattamento diverso nei confronti delle figlie e dei figli. Molti pensano che l'amore del padre sia più grande per le figlie che per i figli. È giusto? Questo è quello che dicono gli esperti.

È vero che l'amore di un padre è più grande per sua figlia?

Non poche persone pensano che un padre amerà di più sua figlia. Vizierà di più la sua bambina e sarà duro con i ragazzi. In realtà, questo perché il trattamento riservato dal padre è diverso per ogni figlio.

Secondo la teoria socio-cognitiva dello sviluppo di genere di Albert Bandura, i padri e le madri hanno spesso percezioni di comportamento "appropriate" per le differenze di genere dei loro figli.

Ad esempio, fin dall'infanzia, ai ragazzi è stato insegnato a non giocare con le bambole e a comportarsi in modo “femminile”, mentre alle ragazze spesso viene impedito di impegnarsi in attività fisiche.

Forse hai sentito spesso l'opinione che "le ragazze di solito sono più vicine ai loro padri e i figli alle loro madri". Si scopre che questo è rafforzato da uno studio che afferma che i padri tendono a mostrare un modo più sottile di parlare e livelli di attenzione quando comunicano con le loro figlie. D'altra parte, i padri tendono ad essere più assertivi quando hanno a che fare con i loro figli.

Questo è quindi considerato l'amore di un padre è maggiore per sua figlia. In effetti, ovviamente ogni genitore ama ciascuno dei propri figli. Di nuovo, questo è legato al modo in cui il padre educa suo figlio.

L'amore del padre è lo stesso, solo il modo di comunicare è diverso

Uno studio ha coinvolto 52 padri a cui è stato dato un dispositivo di registrazione da indossare alla cintura. Il dispositivo è programmato per registrare clip vocali, ma né il padre né i bambini sanno quando il dispositivo registrerà effettivamente, quindi il dispositivo funzionerà in modo naturale.

Sulla base dei risultati di questa registrazione tradotta, mostra che i padri trattano le loro figlie usando un linguaggio dolce, gentile ed emotivamente carico - come "piangere", "triste", "lacrime" e "solitario". I padri hanno anche mostrato di cantare alle loro figlie più spesso dei loro piccoli eroi.

Inoltre, i padri tenderanno anche a usare parole che hanno più significato, come "più" e "meglio" con le figlie che con i figli. Secondo Jennifer Mascaro, assistente professore di famiglia e medicina presso la Emory University School of Medicine di Atlanta, parole come queste possono portare allo sviluppo di ulteriori e migliori linee di comunicazione.

Mentre per i ragazzi, un padre userà parole più orientate ai risultati, come "vincere" e "orgoglioso". Padri e figli spesso si impegnano anche in interazioni più assertive e giochi più fisici, come fare il solletico, lanciare e afferrare il figlio, e così via.

Tuttavia, i padri devono educare i propri figli indipendentemente dal sesso

Bene, anche se i padri mostrano un comportamento più gentile quando interagiscono con le loro figlie, questo non significa che i padri possano sempre trattare i loro figli con fermezza. Il motivo è che sia le figlie che i figli continueranno a considerare la figura del padre come un modello di vita.

Riportando dalla pagina di Huffingtonpost, il ruolo dei padri è molto importante per lo sviluppo emotivo di figli e figlie. In effetti, uno studio mostra che se i padri amano e sostengono i loro figli, questo darà un contributo importante allo sviluppo cognitivo, sociale, al successo e alle buone capacità di autoportanza.

Perché in fondo una figlia da grande tenderà a scegliere un partner che abbia caratteristiche simili a quelle del padre. Nel frattempo, i ragazzi vedono il loro padre come un "punto di riferimento" nel plasmare la loro identità. Pertanto, i padri devono rimanere equi nel trattare e nell'educare i propri figli e figlie.

Vertigini dopo essere diventato genitore?

Unisciti alla comunità dei genitori e trova le storie di altri genitori. Non sei solo!

‌ ‌