Salute dell'apparato digerente

Il sedimento della cistifellea è quale malattia ed è pericoloso?

La cistifellea si trova tra l'intestino e il fegato che funziona per immagazzinare la bile dal fegato fino al momento in cui viene rilasciata nell'intestino per aiutare la digestione. Se la cistifellea non si svuota completamente, le particelle nella cistifellea come la bile o i sali di calcio si addenseranno a causa dei resti della cistifellea che si sono depositati per troppo tempo. Quindi si formeranno depositi di cistifellea, che sono comunemente indicati come depositi di cistifellea o noti anche come depositi di cistifellea fanghi bile. In termini stranieri questa condizione si chiama fanghi di cistifellea.

Cos'è la deposizione della cistifellea?

I depositi della cistifellea sono una raccolta di colesterolo, calcio, bilirubina e altri composti che si formano nella cistifellea. A volte chiamato fanghi da biliardo o depositi di bile, perché si verificano quando la bile rimane nella vescica troppo a lungo.

La bile è un liquido giallo-verdastro prodotto nel fegato e immagazzinato nella cistifellea. La sua funzione è quella di aiutare il corpo a digerire i grassi. Se piccole particelle di bile rimangono nella cistifellea per troppo tempo, queste particelle possono raccogliersi e depositarsi in un precipitato ( fanghi ) bile.

Questa non è una condizione medica in sé, ma può causare altre condizioni correlate. Ad esempio calcoli biliari e colecistite. Tuttavia, può anche andare via da solo. Nella maggior parte dei casi, i medici trovano depositi di cistifellea durante un'ecografia della cistifellea. Viene diagnosticato più spesso nelle persone con problemi alla cistifellea e al fegato perché le persone con questi tipi di condizioni hanno maggiori probabilità di sottoporsi a test ecografici (USG) nel dipartimento competente.

Quali sono i sintomi dei depositi di colecisti?

Alcune persone con depositi nella cistifellea non avranno sintomi e non sapranno mai di averlo. Tuttavia, ci sono anche alcune persone che manifestano sintomi indicati da una cistifellea infiammata o da calcoli biliari. Il sintomo principale è il dolore addominale, soprattutto nella parte superiore destra sotto le costole. Questo dolore può aumentare poco dopo aver mangiato.

Altri sintomi comuni sono:

  • Dolore al petto
  • Dolore alla spalla destra
  • nausea
  • Bavaglio
  • Consistenza e colore delle feci come l'argilla

Quali sono le cause dei depositi nella cistifellea?

I depositi nella cistifellea si formano quando la bile rimane nella cistifellea troppo a lungo. Il muco della cistifellea può mescolarsi con il colesterolo e i sali di calcio incorporati, creando un precipitato simile al limo. fanghi La cistifellea è solitamente più comune durante la gravidanza, soprattutto se si segue una dieta rigorosa.

Questa condizione non è una condizione comune. Alcune persone hanno un rischio maggiore di questa condizione. I seguenti gruppi hanno un rischio più elevato includono:

  • Donna. Rispetto agli uomini, le donne hanno un rischio maggiore di sviluppare problemi alla cistifellea.
  • Persone che si nutrono attraverso una flebo o un'altra alternativa alimentare.
  • Persone in condizioni critiche.
  • Persone con diabete.
  • Persone che sono in sovrappeso e perdono peso molto velocemente.
  • Persone che hanno avuto trapianti di organi.
  • Dipendenza da alcol.
  • Avere una storia di problemi con la cistifellea.

Come vengono diagnosticati i depositi di bile?

Se hai frequenti dolori di stomaco, il medico ti chiederà informazioni sulla tua storia medica e sui sintomi recenti. Successivamente il medico eseguirà un esame fisico premendo su diverse parti dell'addome. Se il medico sospetta che la tua cistifellea possa essere la fonte del dolore, molto probabilmente ordinerà un'ecografia addominale, che può rilevare con precisione i calcoli biliari.

Se il medico diagnostica calcoli biliari o depositi nella cistifellea, potrebbe esserti chiesto di sottoporti a test per determinare la causa dei depositi. Il test che verrà eseguito di solito è un esame del sangue. Attraverso esami del sangue, è possibile rilevare i livelli di colesterolo e sodio. I medici eseguono anche esami del sangue per assicurarsi che il fegato funzioni correttamente. A volte questi depositi vengono rilevati dai risultati di una TAC o di un'ecografia che viene eseguita per rilevare altre malattie intorno alla bile.

Superare i depositi nella cistifellea

Se i depositi nella cistifellea non causano alcun sintomo, il trattamento non è necessario. Il medico prescriverà farmaci per aiutare a dissolvere il fango o i calcoli biliari. In alcuni casi, quando questi depositi causano dolore, gonfiore o calcoli biliari, il medico può suggerire di rimuovere la cistifellea.

Se questa condizione si ripresenta, dovrai apportare modifiche allo stile di vita per prevenire problemi in futuro. Seguendo una dieta a basso contenuto di grassi, colesterolo e sodio, puoi ridurre le possibilità di sviluppare depositi in futuro.

Il trattamento attraverso i cambiamenti dello stile di vita può prevenire il ripetersi dei depositi nella cistifellea. Queste strategie includono:

  • Non bere alcolici
  • Mangia cibi a basso contenuto di grassi
  • Evita un aumento o una perdita di peso significativi

Complicazioni che possono sorgere

A volte, i depositi di bile si risolvono senza causare sintomi e trattamento. Tuttavia, in alcuni casi questi depositi sono a rischio di causare diverse malattie, tra cui:

1. Calcoli biliari

I calcoli biliari possono causare dolore addominale superiore e di solito richiedono un intervento chirurgico. In alcuni casi, i calcoli biliari possono causare blocchi nei dotti biliari. Se ciò accade, è necessaria un'azione medica immediata.

2. Colecistite

I depositi di bile possono causare colecistite o infiammazione della cistifellea. Se ciò provoca dolore persistente e crescente, i medici di solito raccomandano di rimuovere la cistifellea. In casi molto gravi, la cistifellea infiammata può causare l'erosione della parete della cistifellea. Questa condizione può causare perforazione o rottura della parete della sacca con conseguente fuoriuscita del contenuto della cistifellea nella cavità addominale.

3. Pancreatite acuta

I depositi nella cistifellea possono causare pancreatite acuta o infiammazione del pancreas. Questa condizione provoca l'attivazione degli enzimi nel pancreas che porta all'infiammazione. L'infiammazione può causare una risposta sistemica, che può portare a shock e persino alla morte. Ciò può verificarsi se i depositi nella cistifellea bloccano il dotto pancreatico.