Salute del cervello e dei nervi

Terapia trombolitica nell'ictus •

La trombolisi, nota anche come terapia trombolitica, è un trattamento per dissolvere pericolosi coaguli nei vasi sanguigni, migliorare il flusso sanguigno e prevenire danni ai tessuti e agli organi. La terapia trombolitica può comportare l'iniezione di farmaci che rompono il coagulo attraverso una linea endovenosa (IV) o attraverso un lungo catetere che fornisce il medicinale direttamente al sito del blocco. Questo trattamento può anche comportare l'uso di un lungo catetere con un dispositivo meccanico attaccato alla punta, per rimuovere o rompere il coagulo di sangue.

La terapia trombolitica è spesso utilizzata come trattamento di emergenza per dissolvere i coaguli di sangue che si formano nelle arterie che alimentano il cuore e il cervello, che sono una delle principali cause di infarti e ictus ischemici e nelle arterie dei polmoni (embolia polmonare acuta).

Gli agenti trombolitici includono:

  • Eminasi (anistreplase)
  • Retavase (reteplase)
  • Streptasi (streptochinasi, cabichinasi)
  • T-PA (una classe di farmaci che include Activase)
  • TNKasi (tenecteplase)
  • Abbochinasi, Kinlytic (rochinasi).

Se il coagulo di sangue è pericoloso per la vita, la terapia trombolitica può essere un'opzione se iniziata il prima possibile. È idealmente assunto entro una o due ore dall'insorgenza dei sintomi di infarto, ictus o embolia polmonare (se è stata fatta la diagnosi).

In che modo la terapia trombolitica tratta l'ictus?

Se l'ictus è causato da un coagulo di sangue, può essere trattato con farmaci anticoagulanti che rompono il coagulo e ripristinano l'afflusso di sangue al cervello.

Il farmaco stesso è chiamato alteplase o attivatore del plasminogeno tissutale ricombinante (rt-PA). Questo processo di somministrazione dei farmaci è noto come terapia trombolitica.

I trombolitici agiscono dissolvendo rapidamente i coaguli di sangue, aiutando il sangue a rifluire al cuore e aiutando a prevenire danni al muscolo cardiaco. I trombolitici possono prevenire attacchi cardiaci mortali.

I trombolitici non vengono somministrati a qualcuno che ha avuto un ictus emorragico (sanguinamento nel cervello) perché possono peggiorare l'ictus causando un aumento del sanguinamento.

La terapia trombolitica non sempre ha successo, solo una persona su sette beneficia di questo trattamento. C'è anche il rischio che la terapia trombolitica possa causare un pericoloso sanguinamento nel cervello. Ciò si verifica in circa il 7% dei casi.

Come usare la terapia trombolitica per trattare l'ictus

La terapia trombolitica ha dimostrato di avere molti benefici nei pazienti con paralisi cerebrale ischemica acuta. Per la maggior parte delle persone, la terapia trombolitica deve essere somministrata entro e non oltre quattro ore e mezza dalla comparsa dei sintomi dell'ictus. In alcune circostanze, il medico può decidere che questo trattamento può ancora essere utile entro sei ore. Ma più tempo passa, meno efficace sarà la terapia trombolitica. Ecco perché è così importante andare immediatamente in ospedale quando compaiono i sintomi.