Denti e Bocca

Malattia gengivale: cause, sintomi, trattamento •

Le gengive sono tessuti che svolgono un ruolo importante nel mantenere i denti nella posizione corretta. Se le gengive hanno problemi, questo avrà sicuramente un impatto sulla condizione dei tuoi denti. La malattia gengivale è un problema gengivale che non dovresti ignorare. Pertanto, leggi di più di seguito per scoprire i sintomi, le cause e come trattarli.

Cos'è la malattia gengivale?

La malattia gengivale è una condizione in cui le gengive diventano gonfie, doloranti o infette. Questa condizione è più comune negli adulti che nei bambini.

Le gengive disturbate sono generalmente caratterizzate da sanguinamento quando ci si lava i denti e alitosi. Questa condizione è la fase iniziale della malattia gengivale, nota come gengivite.

Se la gengivite non viene trattata correttamente, questa condizione porterà a una complicazione chiamata parodontite, che è una grave infezione delle gengive.

Se la parodontite non viene trattata immediatamente, l'osso nella mascella del paziente è a rischio di danni e si formeranno piccoli spazi tra le gengive e i denti. Di conseguenza, le gengive che dovrebbero trattenere i denti si allenteranno e faranno cadere i denti.

Quali sono i segni e i sintomi delle malattie gengivali?

Secondo la pagina NHS, le gengive sane sono idealmente rosa, di consistenza soda e mantengono i denti in posizione. Se ti lavi i denti, le gengive non dovrebbero sanguinare.

Tuttavia, se le tue gengive sono malate, i sintomi iniziali di solito includono:

  • gengive arrossate,
  • gonfiore delle gengive, e
  • gengive sanguinanti dopo la spazzolatura o filo interdentale dente.

In questa fase, la malattia gengivale è nota come gengivite. Se la gengivite non viene trattata tempestivamente, il tessuto e l'osso che sostengono i denti possono essere colpiti.

La fase successiva della malattia gengivale è la parodontite che è caratterizzata da sintomi come:

  • alitosi (alitosi),
  • cattivo gusto in bocca,
  • il dente sembra che cadrà in modo che il processo alimentare venga interrotto e
  • Il pus appare sotto le gengive o i denti (ascesso gengivale).

In rari casi, la malattia gengivale può improvvisamente trasformarsi in una rara condizione medica, vale a dire: gengivite ulcerosa necrotizzante acuta (ANUG).

L'ANUG è caratterizzato da sintomi molto più gravi di quelli delle comuni malattie gengivali, come:

  • gengive sanguinanti e doloranti,
  • piaghe o ulcere compaiono sulle gengive,
  • compaiono spazi tra le gengive e i denti
  • alito cattivo,
  • sapore metallico in bocca,
  • eccesso di saliva in bocca,
  • febbre alta, e
  • difficoltà a deglutire e parlare.

Potrebbero esserci segni e sintomi non elencati sopra. Se hai dubbi su un particolare sintomo, consulta il tuo medico.

Quali sono le cause delle malattie gengivali?

La causa più comune di malattie gengivali è la scarsa igiene orale. Cattive abitudini come lavarsi raramente i denti possono potenzialmente innescare l'accumulo di placca sulla superficie del dente.

La placca è una sostanza appiccicosa e dalla consistenza morbida che proviene dal resto del cibo e delle bevande che consumi. Il cibo rimanente si unirà ai batteri e alla saliva, quindi si accumulerà sui denti.

I batteri utilizzeranno i carboidrati dai rifiuti alimentari come energia per produrre acido. Nel tempo, l'acido della placca danneggerà la superficie del dente. Questo è ciò che innesca le cavità.

Oltre a causare buchi nei denti, altri batteri presenti nella placca possono anche irritare le gengive, provocando infiammazioni sotto forma di malattia.

La placca è solitamente facile da rimuovere con uno spazzolino da denti e filo interdentale . Tuttavia, la placca lasciata troppo a lungo può indurirsi e formare tartaro che è più difficile da rimuovere.

Quali sono i fattori che aumentano il rischio di sviluppare questa malattia?

Oltre alle cattive abitudini come lavarsi i denti raramente, ci sono vari altri fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare problemi gengivali. Alcuni di loro sono:

  • Fumo,
  • adulto e vecchiaia,
  • avere il diabete,
  • è incinta,
  • avere un sistema immunitario debole a causa di alcune malattie,
  • sono sottoposti a cure per il cancro, come la chemioterapia,
  • sono malnutriti, e
  • sotto stress.

Alcuni tipi di farmaci possono anche scatenare sintomi di secchezza delle fauci, quindi è più probabile che la placca appaia sui denti. Questi farmaci includono antidepressivi e antistaminici.

Come trattare le malattie gengivali?

Le informazioni fornite non sostituiscono il parere medico. Consulta SEMPRE il tuo medico.

Il dentista controllerà i segni di infiammazione nelle gengive. Successivamente, il medico ti chiederà anche informazioni sulla tua storia medica e sui fattori di rischio che potresti avere.

Se il medico rileva sintomi di gengivite, verrai indirizzato a un parodontologo, un dentista che si occupa del trattamento del tessuto intorno ai denti, comprese le gengive.

Dopo aver confermato che hai una malattia gengivale, il medico determinerà il tipo di trattamento più adatto alle tue condizioni.

Ecco alcune opzioni di trattamento per questa malattia:

  • Collutorio antisettico, che contiene clorexidina o esetidina.
  • pulizia dei coralli ( ridimensionamento ) e la lucidatura dentale, che è una procedura per rimuovere i depositi di placca e tartaro.
  • Piano delle radici , il processo di pulizia approfondita dell'area sotto le gengive.
  • Chirurgia gengivale, una procedura per il trattamento delle malattie gengivali avanzate.

Se la malattia gengivale è progredita in ANUG, il medico fornirà un trattamento più intensivo, come la prescrizione di antibiotici, antidolorifici e collutori con ingredienti diversi.

Trattamento delle malattie gengivali a casa

La cosa più importante da fare affinché il trattamento mostri i massimi risultati è mantenere una buona igiene dentale e orale.

Ciò significa che devi applicare l'abitudine di lavarti i denti regolarmente, almeno 2 volte al giorno. Lavati i denti al mattino e prima di andare a letto.

Utilizzare un dentifricio con un livello di fluoro appropriato. Il fluoro è un minerale naturale che aiuta a proteggere i denti dalla carie, comprese le carie.

Oltre a lavarti i denti, assicurati di pulire anche tra i denti con filo interdentale o filo interdentale. Fare filo interdentale prima di lavarti i denti.

Un'altra cosa non meno importante è controllare regolarmente con il dentista, che è una volta ogni 1 o 2 anni.

In caso di domande, consultare un medico per la migliore soluzione al problema.