Salute

Capire perché il corpo crea dolore •

Tante persone soffrono di dolore in una o varie parti del corpo. Le terapie e i farmaci prescritti per ridurre il dolore possono essere efficaci per alcune persone, ma non per altre, e portano solo a frustrazione e confusione. Ecco perché è importante dotarsi delle attuali conoscenze sul dolore.

In realtà, cos'è il dolore?

Il dolore è così fondamentale per la condizione umana che spesso non si pensa di considerarne le caratteristiche. La spiegazione più semplice è che il dolore è quando qualcosa ti fa male. Qualcosa ti dà fastidio, ti fa fermare quello che stai facendo, cambia la tua posizione o evita ciò che credi stia causando il dolore.

La maggior parte delle persone associa il dolore a un danno fisico. Sebbene questo sia spesso il caso, ci sono anche casi più complessi come dolore e indolenzimento cronico fantasma dove non ci sono danni fisici evidenti. In effetti, il dolore è in gran parte un fenomeno neurologico.

Il disagio fisico e mentale del dolore è qualcosa che è sia stressante che scoraggiante. Tuttavia, la maggior parte delle persone è così abituata alle spiegazioni fisiologiche della propria malattia da non rendersi conto che il dolore può derivare da un circolo vizioso sul lavoro, per esempio. Il dolore prolungato aggrava lo stress, che alla fine può intrappolare il corpo ancora più in profondità nel modello del dolore.

Qual è il processo fino a quando non possiamo sentire dolore?

La vecchia teoria del dolore suggeriva che l'area del corpo lesa inviasse segnali di dolore al cervello. In altre parole, il dolore proviene dal livello dei tessuti. Tuttavia, ora sappiamo che questo non è del tutto esatto. Ci sono alcune cellule chiamate nocicettori che rilevano gli stimoli nocivi e trasmettono queste informazioni al cervello. Dopodiché, però, sta al cervello creare o meno la sensazione di dolore. Il dolore non viene realmente da un luogo locale.

Questo non vuol dire che il dolore è solo inventato dalla mente. Invece, pensa al cervello come a un caposquadra di fabbrica che usa l'esperienza passata, le ispezioni delle macchine, i rapporti dei lavoratori e altri indicatori per regolare le operazioni.

La nocicezione è importante nella produzione del dolore, ma lo sono anche altre cose meno tangibili. Il fattore subconscio è una delle fonti che il cervello considera quando determina quanto dolore creare. In questo processo, il cervello esamina anche le esperienze passate, i contesti sociali, le credenze e una varietà di altre variabili.

Più grave è il dolore, più grave è la condizione della malattia? Non necessariamente

Un pensiero comune è che le condizioni fisiche, la postura e altri problemi strutturali del corpo siano la causa principale del dolore. Questa è un'idea imprecisa e persino pericolosa se porta le persone a credere che, ad esempio, le loro proporzioni corporee siano "povere". Questi sono pensieri che possono avere un effetto negativo su se stessi e non sono utili per affrontare il tuo dolore.

Ovviamente a nessuno piace il dolore, ma il dolore è necessario per sopravvivere. Il dolore è un potente bisogno di evitare azioni e comportamenti che potrebbero danneggiarti. Alcune persone nascono senza sensibilità al dolore, una condizione chiamata analgesia congenita. Anche se potresti considerarli fortunati, in realtà sono molto più a rischio di lesioni mortali perché non se ne rendono conto quando sono feriti.

Il punto è che il dolore è un sistema di allarme, un'uscita dal cervello che ha lo scopo di difendersi da una minaccia percepita incoraggiandoti a evitarla. Questa minaccia percepita di solito comporta danni ai tessuti, come un livido o una frattura. In questo caso, affrontare il problema fisico ridurrà la "minaccia" e anche il dolore. Tuttavia, anche se mantenere il tuo corpo sano e attivo non è abbastanza, è il momento di affrontare la fonte del tuo dolore.

Come dobbiamo affrontare il dolore?

Se una determinata posizione o movimento provoca disagio, trova dei modi per alleviarlo (meno movimento o più lentamente) in modo che non ci sia più dolore. Cerca movimenti più "amichevoli" per il tuo corpo. Insegna al tuo sistema nervoso che non tutto è pericoloso. Man mano che più posizioni diventano indolori, noterai che la tua paura è diminuita e stai costruendo lo slancio per liberarti dal dolore.

Tuttavia, forse l'azione più importante è riaffermare il tuo valore e il tuo scopo. Il dolore è una seccatura, ma non lasciare che ti conquisti.

Ricorda solo che: se fa male, significa che il tuo cervello si prende cura di te.