Salute mentale

Il contatto visivo prolungato mentre chatti ti fa sudare freddo? Questo è il motivo

Quando parli con qualcuno, lo guarderai sicuramente negli occhi, giusto? Lo sguardo è uno dei mezzi di comunicazione più efficaci. Guardandosi l'un l'altro, puoi trasmettere il significato della conversazione e leggere l'espressione dell'altra persona. Tuttavia, ci sono anche tipi di persone che evitano sempre il contatto visivo con l'altra persona perché si sentono a disagio. Qual è la ragione, comunque?

Il contatto visivo quando si parla è importante per gli esseri umani

Oltre a leggere le espressioni facciali e le emozioni dell'interlocutore, lo sguardo ha anche altre funzioni. Stabilire un contatto visivo assicura che la persona con cui stai parlando sia davvero concentrata sull'ascolto di ciò che stai dicendo. Se non riesci a guardarlo direttamente negli occhi, è difficile dire se la persona ti sta ascoltando attentamente.

A differenza di altri esseri viventi, l'occhio umano svolge un ruolo importante nello scambio di informazioni oltre che di emozioni. Le formiche, ad esempio, non si affidano al contatto visivo per comunicare. Invece, si affidano al suono e al tatto. Come altro esempio, le scimmie scimpanzé osserveranno i movimenti della bocca dell'altro durante la comunicazione, invece di guardare nei bulbi oculari.

Bene, sebbene gli umani si siano evoluti per usare il contatto visivo per costruire relazioni e cooperare, lo sguardo visivo può anche essere usato come mezzo di intimidazione. Questo è il motivo per cui a volte eviti gli occhi di qualcuno che rispetti.

Perché ad alcune persone non piace fissare?

Sei il tipo di persona a cui piace evitare il contatto visivo con l'altra persona? In tal caso, potresti ritrovarti a guardare in basso o distogliere lo sguardo più spesso quando parli con qualcuno. Si scopre che, secondo gli esperti, c'è una ragione scientifica per cui lo sguardo di qualcuno può sembrare così penetrante per alcune persone.

Nella rivista Scientific Reports del 2015, gli esperti hanno notato che in alcune persone il contatto visivo può rendere iperattive determinate aree del cervello. Questa zona del cervello è conosciuta come il sistema sottocorticale. Questo sistema cerebrale è responsabile del riconoscimento e della traduzione delle espressioni facciali di altre persone, anche attraverso gli occhi.

Per le persone sensibili, questa parte del cervello riceve improvvisamente un'eccessiva stimolazione nervosa di fronte agli occhi di qualcuno. Questo fenomeno sembra verificarsi molto nelle persone con lo spettro autistico.

Quindi evitare il contatto visivo con qualcuno non significa necessariamente che sei riluttante a parlare con l'altra persona o che non presti attenzione a quello che sta dicendo. Potresti effettivamente sentirti a disagio a guardare negli occhi per molto tempo con l'altra persona perché il tuo cervello sta reagendo in modo eccessivo.

Cosa dovrei fare per renderlo più comodo quando devi fissare?

Secondo un esperto di psicologia sociale e ricercatore dell'Università di Tampere in Finlandia, Jari K. Hietanen, la maggior parte delle volte pensare alle tue interazioni con altre persone ti renderà effettivamente più nervoso e a disagio quando guardi negli occhi l'altra persona. Se ti senti davvero a disagio nel dover incontrare gli occhi di altre persone, non c'è bisogno di forzarlo.

Puoi scegliere una posizione di conversazione più comoda. Ad esempio, seduto accanto all'altra persona. In questo modo, non devi guardare direttamente la persona con cui stai parlando.

Tuttavia, a volte il contatto visivo è davvero inevitabile. Ad esempio, se vieni intervistato per un lavoro. Pertanto, è anche importante esercitare la capacità di comunicare attraverso il contatto visivo. Puoi esercitarti con le persone più vicine a te, ad esempio abituandoti a guardarlo negli occhi per qualche secondo. Nel tempo, il tuo cervello si adatterà quando si tratta di incontrare altre persone.