Salute del cuore

5 scelte di farmaci per l'aritmia e procedure mediche per affrontarlo

Le aritmie sono malattie cardiache che causano disturbi della normale frequenza cardiaca. In alcuni casi lievi, le aritmie non richiedono un trattamento speciale. Tuttavia, nei casi più gravi, è necessario un trattamento dell'aritmia perché può causare ictus o insufficienza cardiaca. Quindi, quali sono le opzioni per i farmaci per l'aritmia e le procedure mediche per trattare questa malattia cardiaca? Dai un'occhiata alle seguenti recensioni sui farmaci antiaritmici.

Opzioni farmacologiche per il trattamento delle aritmie cardiache

Le aritmie possono ripresentarsi e causare sintomi fastidiosi, come cambiamenti nella frequenza cardiaca (più veloce, più lenta o irregolare) che alcune persone sperimentano come una sensazione di martellamento. A volte, i sintomi sono anche seguiti da mancanza di respiro, dolore toracico, vertigini e debolezza.

Fortunatamente, i sintomi di questo disturbo della frequenza cardiaca possono essere alleviati e la sua ricorrenza prevenuta trattando le aritmie sotto forma di farmaci. Secondo il sistema di classificazione di Vaughan-Williams, i farmaci per l'aritmia cardiaca sono suddivisi in 4 categorie principali con diversi farmaci aggiuntivi, tra cui:

1. Classe di farmaci I

I farmaci antiaritmici di classe I sono un gruppo di bloccanti dei canali del sodio, che lavorano per rallentare la conduzione elettrica nel cuore. Il motivo è che i disturbi elettrici nel cuore sono una delle cause delle aritmie perché possono rallentare, accelerare e persino aumentare il numero di frequenze cardiache.

Gli studi hanno scoperto che l'effetto collaterale fatale dell'uso di questo farmaco è la morte. Ciò è molto probabilmente dovuto a un sovradosaggio, ovvero al superamento della dose raccomandata del farmaco o all'utilizzo di altri farmaci che alterano la cinetica di eliminazione della sostanza.

Pertanto, l'uso di farmaci per l'aritmia deve essere molto attento e in conformità con le raccomandazioni del medico.

Esempi di farmaci di classe I includono etmozina (moricizina), rythmol SR (propafenone), Norpace CR (disopiramide), dilantin (fenitoina), procanbid (procainamide), xilocaina HCl (lidocaina), chinidex extendabs (chinidina) e mexitil (mexiletina) . ).

2. Classe di farmaci II

Questo farmaco antiaritmico di classe II è un tipo di farmaco beta-bloccante. Questo farmaco agisce bloccando la stimolazione del sistema nervoso simpatico al cuore, riducendo così la trasmissione degli impulsi al cuore.

Inoltre, questo farmaco può anche ridurre la pressione sanguigna che blocca gli effetti dell'ormone epinefrina (adrenalina), in modo che la frequenza cardiaca non superi la frequenza normale.

Gli effetti collaterali comuni quando si assume questo farmaco per l'aritmia sono difficoltà a dormire, aumento di peso, affaticamento e mani e piedi freddi.

I farmaci beta-bloccanti sono solitamente usati come trattamento di prima linea per i disturbi della frequenza cardiaca, come la tachicardia sopraventricolare sintomatica (TSV).

Esempi di farmaci beta-bloccanti includono sectral pro (acebutololo), innopran XL pro (propranololo), brevibloc pro (esmololo), inderal pro (propranololo), inderal LA pro (propranololo) e hemangeol pro (propranololo).

3. Classe di farmaci III

I farmaci per l'aritmia del gruppo III sono una classe di bloccanti dei canali del potassio, il cui compito è legare e bloccare i canali del potassio, che a loro volta possono prolungare la ripolarizzazione delle membrane cellulari. La ripolarizzazione è la condizione della membrana cellulare a riposo o che non riceve stimolazione.

Bloccando i canali del potassio, le prestazioni seno-atriale e atrioventricolare non sono compromesse. Il seno-atriale, noto anche come nodo del seno, è un insieme di cellule nella parte superiore destra del cuore. Queste cellule funzionano per inviare segnali elettrici in modo che il muscolo cardiaco possa contrarsi regolarmente.

Mentre atrioventricolare è un nodo situato tra gli atri e i ventricoli. Il suo compito è regolare l'attività elettrica nel cuore.

L'uso di questo farmaco deve essere supervisionato da un medico perché gli effetti collaterali possono influenzare il ritmo cardiaco, vale a dire causare un rallentamento della frequenza cardiaca al di sotto dei 60 battiti al minuto e disfunzione del nodo cardiaco.

Esempi di bloccanti dei canali del potassio includono pacerone pro (amiodarone), tikosyn pro (dofetilide), multaq pro (dronedarone), cordarone pro (amiodarone) e apace pro (sotalolo).

4. Classe di farmaci IV

I farmaci aritmici del gruppo IV sono una classe di bloccanti dei canali del calcio che funzionano per bloccare i canali del calcio riducendo così il movimento degli ioni calcio nelle cellule durante un potenziale d'azione.

Cioè, regola l'ingresso del calcio nelle cellule muscolari in modo che non provochi un'eccessiva contrazione della muscolatura liscia cardiaca, rilassi la muscolatura liscia dei vasi sanguigni e riduca la velocità di conduzione nel cuore.

Gli effetti collaterali di questi farmaci antiaritmici sono bradicardia, mal di testa, edema (gonfiore del corpo) e un calo della pressione sanguigna al di sotto del normale (ipotensione).

Esempi di calcio-antagonisti includono dilt-XR pro (diltiazem), isoptin SR pro (verapamil), tiazac pro (diltiazem), cartia XT pro (diltiazem), cardizem LA pro (diltiazem) e calan pro (verapamil).

5. Altri farmaci per l'aritmia

Inoltre, esistono anche diversi altri tipi di farmaci utilizzati per il trattamento delle aritmie, tra cui:

adenosina

L'adenosina è un farmaco usato per trattare una varietà di aritmie e viene assunto durante i test da sforzo cardiaco. Questo farmaco è disponibile in forma liquida che viene utilizzata per iniezione in vena. Questo farmaco non deve essere usato in combinazione con altri farmaci contenenti caffeina, a causa del rischio di effetti collaterali.

Se soffri di convulsioni, asma o enfisema (malattia polmonare ostruttiva cronica), informi il medico prima di assumere questo farmaco antiaritmico. I possibili effetti collaterali che possono verificarsi includono convulsioni, dolore toracico, mancanza di respiro, mal di testa e intorpidimento improvviso.

digossina

Il farmaco digossina è solitamente usato per trattare l'insufficienza cardiaca e le aritmie. La funzione di questo farmaco è quella di aiutare il cuore a funzionare meglio mentre il controllo della frequenza cardiaca rimane normale.

La digossina è disponibile in compresse, capsule e forma liquida e di solito viene assunta solo una volta al giorno. Informi il medico se sta assumendo antiacidi, antibiotici o altri farmaci per il cuore.

Gli effetti collaterali che possono verificarsi dopo l'uso di questo farmaco antiaritmico includono vertigini, battito cardiaco irregolare, disturbi della vista, nausea e vomito e diarrea.

Cose a cui prestare attenzione quando si assumono farmaci per l'aritmia

L'assunzione di farmaci come fase di trattamento dell'aritmia è davvero un modo potente per controllare i sintomi. Tuttavia, se è possibile utilizzare o meno il trattamento dell'aritmia, è necessario il permesso di un medico. Il motivo è che non tutti i farmaci sono sicuri da usare in persone con determinati problemi di salute.

Inoltre, alcune persone reagiscono anche a diversi farmaci. Ecco perché ci sono alcune persone che non sono adatte a prendere determinati farmaci per l'aritmia perché i loro corpi danno reazioni insolite. Anche il dosaggio e il tempo di assunzione del farmaco devono essere conformi al consiglio del medico.

Chiedi a un cardiologo che si occupa di condizioni che potresti dover evitare o limitare, come bere caffè, alcol o altri farmaci.

Come trattare le aritmie oltre all'assunzione di medicinali

Se il trattamento dell'aritmia sotto forma di farmaci non allevia anche il disturbo del ritmo cardiaco, il medico intraprenderà ulteriori azioni, vale a dire raccomandare procedure mediche.

Secondo il National Heart, Lung, and Blood Institute, le procedure mediche eseguite per trattare le aritmie includono:

1. Cardioversione

La cardioversione, nota anche come defibrillazione, è una procedura medica che deve essere eseguita quando un paziente aritmico ha un infarto improvviso. È inoltre necessario che i pazienti con fibrillazione atriale siano ad alto rischio di ictus o insufficienza cardiaca.

La cardioversione viene solitamente eseguita da un cardiochirurgo, che richiede alcuni minuti. La preparazione inizia con la somministrazione di un anestetico in una vena per farti perdere conoscenza. Quindi, gli elettrodi verranno posizionati sul petto o sulla schiena.

Sul dispositivo è presente una macchina di cardioversione che registrerà l'attività elettrica del cuore e invierà uno shock al cuore. Una volta pronto, verranno erogati uno o più shock per ripristinare il normale ritmo cardiaco.

Dopo la procedura, dovrai riposare per alcune ore in ospedale. Medici e personale medico monitoreranno il ritmo cardiaco e la pressione sanguigna per evitare complicazioni. Una volta dimesso, ti verranno prescritti farmaci per l'aritmia.

Sebbene rara, la cardioversione può causare effetti collaterali, ad esempio un'eruzione cutanea rossa sulla pelle, la rottura di un coagulo di sangue che alla fine provoca un ictus. Oltre ai farmaci antiaritmici, le verranno somministrati anche farmaci anticoagulanti o antiaggreganti.

2. Ablazione a radiofrequenza

L'ablazione con radiofrequenza è una procedura per il trattamento delle aritmie che utilizza segnali a radiofrequenza inviati praticando un'incisione. Il processo di incisione di solito utilizza l'energia della luce laser o l'energia fredda (crioablazione).

Questa procedura viene eseguita specificamente per trattare alcuni tipi di aritmie, come la fibrillazione ventricolare e la fibrillazione atriale.

Tutti i tipi di ablazione richiedono un cateterismo cardiaco per posizionare un tubo flessibile nel cuore. Ma prima che sia fatto, ti verrà prima somministrata l'anestesia per essere più rilassato e non sentire dolore. Il foro per l'inserimento del catetere è realizzato intorno al braccio, all'inguine, alla parte superiore della coscia o alla zona del collo.

È inoltre necessario un metodo di imaging fluoroscopia per aiutare il chirurgo a vedere la posizione del catetere verso il cuore. Alcuni cateteri sono talvolta dotati di elettrodi a filo per registrare e localizzare la fonte del battito cardiaco anomalo.

Una volta che il catetere è stato posizionato con successo, verrà inviata un'onda di energia per creare una cicatrice (linea di ablazione). Questa cicatrice sarà una barriera agli impulsi elettrici dal tessuto danneggiato in modo che l'aritmia non si ripresenti.

Successivamente, il medico ritirerà il catetere e chiuderà la ferita. Di solito ti verrà chiesto di passare la notte in ospedale per un monitoraggio più approfondito del trattamento. Ti è anche vietato muoverti molto, per prevenire il sanguinamento nella cicatrice. Pertanto, il medico somministrerà farmaci per l'aritmia e altri farmaci per supportare il recupero del corpo.

Proprio come la cardioversione, anche le procedure di ablazione cardiaca possono causare effetti collaterali, come infezioni, emorragie, danni ai vasi sanguigni e coaguli di sangue.

3. Pacemaker

Oltre alle procedure chirurgiche, il trattamento dell'aritmia può anche utilizzare un pacemaker. Questo dispositivo viene posizionato sul torace o sull'addome per aiutare a controllare i ritmi cardiaci anormali inviando impulsi elettrici al cuore.

L'uso di un pacemaker può prevenire l'affaticamento e lo svenimento, aiutando così i pazienti aritmici a essere più attivi. L'uso di questo ausilio cardiaco può essere temporaneo o permanente, a seconda delle condizioni di salute del paziente.

4. Defibrillatore cardioverter impiantabile (ICD)

Oltre a un pacemaker, è disponibile anche un defibrillatore cardioverter impiantabile (ICD). Questo dispositivo è consigliato per i pazienti con battiti cardiaci molto veloci, come la tachicardia ventricolare. Allo stesso modo con le persone che sono a rischio di avere un infarto improvviso, l'uso dello strumento è altamente raccomandato.

Un ICD è un dispositivo alimentato a batteria che viene impiantato sotto la pelle vicino alla clavicola, simile a un pacemaker. Uno o più fili che terminano con elettrodi vengono fatti passare attraverso una vena al cuore. L'obiettivo è monitorare il ritmo cardiaco.

Anche se si utilizza questo dispositivo, è necessario assumere farmaci per l'aritmia e altri farmaci per mantenere stabile la funzione cardiaca.

5. Procedura del labirinto

Un chirurgo eseguirà un'incisione nel tessuto cardiaco superiore per creare una cicatrice labirintica. Ecco perché questa procedura è chiamata procedura Maze.

L'obiettivo di questo trattamento è creare una barriera tissutale in modo che gli impulsi elettrici non causino più aritmie. Questo di solito viene fatto quando le precedenti procedure mediche non hanno trattato l'aritmia in modo efficace.