Urologia

La ritenzione è un altro nome per l'edema, è una causa a cui prestare attenzione

Circa il 70% del corpo umano è costituito da acqua. Tuttavia, queste preparazioni liquide verranno continuamente sostituite per non accumularsi eccessivamente nel corpo. Quindi, quando il corpo non riesce a espellere il liquido in eccesso, si verifica la ritenzione. La ritenzione è un disturbo che può manifestarsi improvvisamente o svilupparsi lentamente per un lungo periodo di tempo. Se non trattata immediatamente con un trattamento adeguato, la ritenzione può portare a varie gravi complicazioni.

La ritenzione è un problema di fluidi corporei

La ritenzione è una condizione di eccesso di liquidi o di determinate sostanze che dovrebbero essere escrete dall'organismo. La ritenzione di liquidi e la ritenzione urinaria sono due delle condizioni più comuni vissute da molte persone.

Ritenzione idrica

La ritenzione idrica si verifica quando il liquido in eccesso si accumula nel corpo. Questa condizione è anche conosciuta come edema. L'accumulo di liquidi è comune nel sistema circolatorio o nei tessuti e nelle cavità del corpo.

Ciò può causare gonfiore alle mani, ai piedi, alle caviglie e al viso. L'accumulo di liquidi può anche aumentare il peso dell'acqua e far raggrinzire la pelle come quando sei rimasto immerso nell'acqua per troppo tempo.

Ci sono molti fattori che possono causare questa condizione, alcuni dei quali includono:

  • In piedi o seduti troppo a lungo
  • Ciclo mestruale e cambiamenti ormonali
  • Consumare troppo sale/sodio
  • Assunzione di alcuni farmaci, come chemioterapia, antidolorifici, farmaci per la pressione sanguigna e antidepressivi
  • Alcune condizioni, come insufficienza cardiaca, trombosi venosa profonda e gravidanza

Ritenzione urinaria

La ritenzione urinaria è un disturbo della vescica che rende difficile la minzione. La ritenzione urinaria è divisa in due tipi, vale a dire:

  • ritenzione urinaria acuta, successo improvvisamente in poco tempo. Il sintomo più comune è la difficoltà a urinare anche se si ha voglia di urinare. Il risultato è dolore e disagio nell'addome inferiore.
  • Ritenzione urinaria cronica. La ritenzione urinaria cronica si verifica per un lungo periodo di tempo. Questa condizione si verifica quando hai bisogno di urinare, ma la vescica non può essere completamente svuotata. Di conseguenza, le persone con questa condizione spesso sperimentano una minzione incompleta. La gente comune spesso lo interpreta come anyang-anyangan. Potresti sentirti come se dovessi fare pipì tutto il tempo anche se l'hai appena fatto.

La ritenzione urinaria può essere causata da molte cose. Uno dei più comuni è dovuto a un blocco dell'uretra, ovvero il tratto urinario.

Questo blocco può derivare da un ingrossamento della prostata, stenosi uretrale, presenza di un corpo estraneo nel tratto urinario o grave infiammazione dell'uretra. Anche i disturbi del sistema nervoso delle vie urinarie e l'uso di alcuni farmaci possono causare ritenzione urinaria.

Come affrontare questa condizione?

Nella maggior parte dei casi, il trattamento della ritenzione di liquidi è più facile della ritenzione urinaria. Il motivo è che questa condizione può essere superata con semplici trattamenti domiciliari. Alcuni rimedi casalinghi che possono essere fatti per trattare la ritenzione di liquidi sono:

  • Evitare cibi con un alto contenuto di sale perché il sale può legare l'acqua nel corpo.
  • Mangia cibi che contengono vitamina B6 come riso integrale e carne rossa.
  • Mangia cibi ricchi di potassio come banane e pomodori.
  • Prendi farmaci diuretici (pillole d'acqua). Tuttavia, assicurati di consultare il medico prima di assumere questo medicinale. Non tutti coloro che soffrono di ritenzione di liquidi hanno bisogno di farmaci diuretici.

Mentre nel caso della ritenzione urinaria, alcune delle opzioni di trattamento comunemente utilizzate dai medici per la ritenzione sono:

  • Alcuni farmaci. Il medico può prescrivere alcuni farmaci a seconda della causa stessa della ritenzione urinaria. Consultare un medico prima di assumere questi farmaci.
  • Cateterismo vescicale. Questa procedura viene eseguita inserendo un piccolo tubo sottile nel tratto urinario. Quindi, la tua urina può uscire facilmente. Il cateterismo è la procedura più rapida e semplice per trattare la ritenzione urinaria.
  • Posizionamento dello stent. Uno stent, o un tubicino, può essere inserito nel tratto urinario per facilitare il passaggio dell'urina dal corpo. Il cappuccio può essere fissato temporaneamente o permanentemente per mantenere l'uretra aperta.
  • Operazione. Se i vari metodi sopra menzionati non alleviano anche i sintomi, la chirurgia può essere l'opzione migliore. Gli specialisti in urologia possono eseguire procedure transurentali, uretrotomie o laparoscopia.

Complicazioni a cui prestare attenzione

Che si tratti di ritenzione di liquidi o ritenzione urinaria, entrambe possono causare gravi complicazioni se non trattate in modo rapido e appropriato.

Ritenzione idrica

La ritenzione di liquidi può essere un sintomo di insufficienza cardiaca e insufficienza renale. In entrambe le malattie, l'accumulo di liquidi può accumularsi in vari organi, compresi i polmoni (edema polmonare). Quando si verifica questa condizione, sentirai mancanza di respiro. In caso di insufficienza renale, anche la pressione sanguigna può aumentare.

Ritenzione urinaria

Alcune delle complicazioni che possono verificarsi a causa della ritenzione urinaria sono:

  • Infezione del tratto urinario. L'infezione del tratto urinario o UTI è un'infezione che si verifica quando i batteri sono presenti nel tratto urinario. La ritenzione urinaria fa sì che il flusso di urina diventi anormale, consentendo ai batteri di infettare il tratto urinario.
  • Danno ai reni. In alcune persone, la ritenzione urinaria fa sì che l'urina rifluisca nei reni. Bene, questo riflusso, chiamato reflusso, può danneggiare o ferire i reni del malato.
  • Danno alla vescica. I muscoli dei muscoli intorno alla vescica possono danneggiarsi permanentemente e perdere la capacità di contrarsi a causa della pressione eccessiva.