Salute mentale

La fobia dell'oscurità non è la stessa della fobia dei piccoli spazi! Ecco la differenza.

Molti pensano che i due tipi di fobie, ovvero la nictofobia e la claustrofobia, siano la stessa cosa. In effetti, i due tipi di fobie non sono gli stessi. La claustrofobia è una grave paura degli spazi ristretti e stretti. La nictofobia è una fobia del buio o della notte. Per saperne di più sulle differenze tra i due, diamo un'occhiata alla seguente spiegazione.

Nyctofobia (fobia oscura)

Fonte: Hub dei genitori

La nictofobia è una paura estrema dell'oscurità o della notte. La nictofobia può anche causare sintomi di ansia e depressione. In effetti, questa fobia oscura può essere travolgente, le ragioni sono assurde e possono influenzare la tua vita quotidiana.

La fobia oscura spesso inizia durante l'infanzia ed è vista come una parte normale dello sviluppo di un bambino. Diversi studi hanno dimostrato che gli esseri umani hanno spesso paura del buio a causa della mancanza di stimolazione visiva. In altre parole, le persone possono avere paura della notte e del buio perché non riescono a vedere cosa c'è intorno a loro.

La paura del buio o della mancanza di luce è in realtà normale. Tuttavia, se ha influito sulle tue attività e sulla qualità del tuo sonno, consulta immediatamente un medico.

La fobia oscura può essere vista dai sintomi fisici ed emotivi. In effetti, i sintomi di questa fobia oscura possono apparire quando ti immagini o pensi a te stesso al buio.

Caratteristiche della fobia oscura

Sintomi fisici:

  • Difficoltà e dolore durante la respirazione
  • Battito irregolare
  • Parti del corpo come gambe o mani che tremano e formicolano
  • Dare le vertigini
  • Mal di stomaco
  • Un sudore freddo

Sintomi emotivi:

  • Sperimentare ansia e panico estremi
  • Mi sembra di scappare da un luogo oscuro
  • Perdere il controllo
  • Sentirsi minacciati, anche voler svenire
  • Paura

Claustrofobia (fobia degli spazi ristretti)

La claustrofobia è una forma di disturbo psicologico che provoca grave paura e ansia quando ci si trova in una stanza chiusa o angusta. Un claustrofobico (persone con claustrofobia) si sentirà in preda al panico perché non può scappare quando è in una stanza chiusa.

La differenza tra una fobia degli spazi ristretti e chiusi e una fobia del buio è che la stanza non deve essere buia. Anche in una stanza molto illuminata, una persona con claustrofobia rimarrà seriamente spaventata. Mentre le persone che hanno una fobia del buio, in spazi aperti come parchi o strade, avranno ancora paura. Il motivo è che ciò che scatena la paura è la mancanza di illuminazione, non la larghezza della stanza o l'ingresso e l'uscita come porte e finestre.

Le persone con claustrofobia possono avere paura quando si trovano negli ascensori, negli spazi ristretti senza finestre come i bagni, nelle metropolitane o negli aeroplani e nei motori. scansione risonanza magnetica.

Caratteristiche della claustrofobia

La claustrofobia è una fobia i cui sintomi possono manifestarsi durante l'infanzia o l'adolescenza. Ciò può verificarsi quando la persona che sta vivendo la fobia si trova in una stanza stretta e chiusa che innesca la paura di non essere in grado di respirare, di rimanere senza ossigeno o anche di uno spazio limitato per muoversi.

  • Sudorazione
  • Non riesco a respirare
  • Battito irregolare
  • Alta pressione sanguigna
  • Sentire le vertigini
  • La bocca si sente secca
  • Tremore del corpo e dolore alla testa
  • Intorpidire

Come trattare una fobia?

1. Esposizione terapia

Questa terapia mira ad affrontare la paura stessa. Un modo per farlo è descrivere la paura quando la fobia colpisce, invece di evitare l'argomento di conversazione relativo alla fobia che hai.

Inoltre, il paziente dovrà anche affrontare continuamente le sue paure fino a quando non si sarà abituato ad affrontare queste paure. Successivamente il medico o il terapeuta pianificheranno un trattamento a lungo termine.

2. Terapia cognitiva

La terapia cognitiva aiuta le persone a riconoscere i propri sentimenti o ansie e a sostituirli con ragioni o pensieri più positivi.

Successivamente, al paziente verrà spiegato che l'oscurità o la notte non significano che accadrà qualcosa di brutto. Questo tipo di trattamento è solitamente combinato con diverse altre terapie.

3. Rilassamento

Il rilassamento viene solitamente praticato per trattare il panico e l'ansia dovuti a determinate fobie. In esso, ai pazienti viene anche insegnato a praticare la respirazione. Questo può aiutare a gestire lo stress e i sintomi fisici che di solito causano il ripetersi della loro fobia.