Cancro

Chemioterapia per il cancro al seno: tutto ciò che devi sapere

La chemioterapia o chemio spesso abbreviata, è uno dei principali trattamenti per le persone con cancro al seno. La chemio può uccidere ed eliminare efficacemente le cellule tumorali nel seno in modo che non ritornino. Tuttavia, molte donne esitano a sottoporsi a chemioterapia per il cancro al seno a causa del rischio di effetti collaterali che possono insorgere. È sempre così? Leggi di più qui.

Che cos'è la chemioterapia per il cancro al seno?

La chemioterapia è un trattamento del cancro che utilizza farmaci speciali che funzionano per uccidere le cellule tumorali, in questo caso il cancro al seno.

I farmaci chemioterapici per il cancro al seno vengono solitamente iniettati in una vena attraverso un ago, una flebo o un catetere nella mano o nel polso. Un catetere port può anche essere impiantato nel torace prima di iniziare la chemio per il cancro al seno.

Questa porta del catetere continuerà ad essere installata durante il corso della chemioterapia. Pertanto, dovresti stare attento, anche se vuoi viaggiare in aereo. Spiega al personale le tue condizioni.

Tuttavia, a volte i farmaci chemioterapici possono anche essere assunti direttamente o somministrati per iniezione nel liquido spinale che circonda il cervello e il midollo spinale.

Attraverso questi percorsi il farmaco scorrerà nel flusso sanguigno per raggiungere le cellule tumorali nel tessuto mammario circostante.

Quando le pazienti con cancro al seno hanno bisogno della chemioterapia?

Non tutte le donne con cancro al seno necessitano immediatamente della chemioterapia. Di solito questa procedura sarà consigliata in determinate condizioni e tempi, vale a dire:

Dopo l'intervento chirurgico (chemioadiuvante)

La chemio è di solito necessaria dopo l'intervento chirurgico per uccidere le cellule del cancro al seno che possono rimanere o diffondersi, ma non sono visibili dai test di imaging. Se lasciate crescere, le cellule cancerose possono formare nuovi tumori in altre parti del corpo.

Inoltre, questa procedura può anche ridurre il rischio di ricrescita del cancro al seno. La chemioterapia viene solitamente somministrata a chi è ad alto rischio di recidiva di cancro o se le cellule tumorali si sono diffuse ad altre parti del corpo.

Prima dell'intervento chirurgico (chemio neoadiuvante)

La chemioterapia viene solitamente eseguita anche prima dell'intervento chirurgico per il cancro al seno per ridurre le dimensioni del tumore al seno, in modo che la rimozione chirurgica del tumore sia più facile.

La chemioterapia neoadiuvante può anche aiutare i medici a vedere come il cancro sta rispondendo ai farmaci somministrati. Se il primo ciclo di chemioterapia non riduce il tumore, è segno che hai bisogno di un altro farmaco più forte.

Inoltre, la chemioterapia può anche ridurre il rischio di recidiva del cancro al seno. La chemio neoadiuvante del cancro al seno viene solitamente utilizzata per i pazienti con determinati tipi di cancro al seno, come ad esempio:

  • Cancro al seno infiammatorio.
  • Cancro al seno HER2-positivo.
  • Cancro al seno triplo negativo.
  • Cancro che si è diffuso ai linfonodi.
  • Grandi tumori.
  • Tumori aggressivi o che si diffondono facilmente e rapidamente.

Cancro al seno avanzato

La chemioterapia viene solitamente eseguita per i casi di cancro al seno che si è diffuso oltre il seno, compresa l'ascella. Di solito, la chemio viene eseguita in combinazione con altri trattamenti per il cancro al seno, vale a dire la terapia mirata.

Tuttavia, in questa condizione, la chemioterapia non viene eseguita per curare, ma per migliorare la qualità della vita e prolungare l'aspettativa di vita del paziente.

Farmaci utilizzati nella chemioterapia del cancro al seno

La chemioterapia per il cancro al seno è più efficace quando vengono utilizzate diverse combinazioni di farmaci. Diversi tipi di farmaci vengono solitamente somministrati nella chemioterapia, vale a dire:

  • antracicline, come la doxorubicina (Adriamicina) e l'epirubicina (Ellence).
  • Tassani, come paclitaxel (Taxol) e docetaxel (Taxotere).
  • 5-fluorouracile (5-FU).
  • Ciclofosfamide (Cytoxan).
  • Carboplatino (paraplatino).

Di solito i medici combinano più spesso 2-3 farmaci o questo regime nella chemioterapia del cancro al seno.

Nel frattempo, per il cancro al seno avanzato, i farmaci chemioterapici utilizzati per il cancro al seno sono:

  • Tassani, come paclitaxel (Taxol), docetaxel (Taxotere) e paclitaxel legato all'albumina (Abraxane).
  • Antracicline (doxorubicina, doxorubicina pegilata liposomiale ed epirubicina).
  • Agenti di platino (cisplatino, carboplatino).
  • Vinorelbina (navelbina).
  • Capecitabina (Xeloda).
  • Gemcitabina (Gemzar).
  • Ixabepilone (Ixempra).
  • Eribulina (Halaven).

Sebbene venga spesso utilizzata una combinazione di farmaci, il carcinoma mammario avanzato è più spesso trattato con una singola chemioterapia. Tuttavia, esiste ancora la chemio con farmaci combinati, come paclitaxel più carboplatino per trattare il cancro al seno più avanzato.

Per il carcinoma mammario HER2-positivo, il medico somministrerà uno o più farmaci mirati a HER2 da combinare con la chemio.

Preparazione prima della chemioterapia per il cancro al seno

Prima di sottoporsi alla chemio per il cancro al seno, potrebbe essere necessario sottoporsi a esami del sangue e molti altri test, come una TAC, per assicurarsi che questa procedura di trattamento sia sicura. Il medico controllerà anche la tua altezza e peso, nonché le tue condizioni generali di salute per determinare la dose del farmaco.

Secondo quanto riportato da Cancer Research UK, gli esami del sangue verranno eseguiti alcuni giorni prima o lo stesso giorno dell'inizio della chemio. Verranno inoltre effettuati esami del sangue ad ogni ciclo di chemio, prima dell'inizio del trattamento.

Questi test sono necessari per controllare la funzione del fegato, dei reni e del cuore. Se si verificano problemi in questi organi, il trattamento chemioterapico può essere posticipato o il medico sceglierà il farmaco chemioterapico e la dose in base alle sue condizioni.

Passi per migliorare la salute

La chemioterapia per il cancro al seno può colpire le cellule sane, come i globuli bianchi, le piastrine e i globuli rossi. Pertanto, è necessario mantenere il corpo in forma prima e dopo la chemioterapia, per ridurre al minimo i suoi effetti collaterali, mediante:

  • Fare il pieno di energie.
  • Rimani attivo ed esercitati regolarmente per i malati di cancro al seno.
  • Mangiare cibi nutrienti, come frutta, verdura e altri alimenti per chi soffre di cancro al seno.
  • Riduci lo stress facendo cose divertenti.
  • Evitare varie infezioni, come l'influenza, indossando una maschera e lavandosi diligentemente le mani.
  • Vai dal dentista per verificare la presenza di segni di infezione nei denti e nelle gengive.

Prima di iniziare la chemioterapia per il cancro al seno, devi anche informare il tuo medico dei farmaci e degli integratori che stai assumendo. Questo perché alcuni farmaci possono interferire con il lavoro dei farmaci chemioterapici.

Oltre a fare cose relative alle condizioni del corpo, il medico fornirà anche un modulo da firmare. Questo modulo di solito contiene la tua disponibilità a prendere la chemioterapia insieme a una spiegazione dei benefici e dei rischi.

Inoltre, il medico o l'infermiere ti diranno anche quali cibi e bevande puoi e non puoi mangiare durante la chemioterapia.

Quanto dura la chemioterapia per il cancro al seno?

La chemio per il cancro al seno di solito include un ciclo di trattamento che può consistere in 4-8 cicli. Ogni ciclo può durare 2-3 settimane.

Il programma di somministrazione del farmaco dipende dal tipo e dalla dose del farmaco utilizzato. Ad esempio, i farmaci chemioterapici possono essere somministrati solo il primo giorno del ciclo, diversi giorni consecutivi o una volta alla settimana, mentre il resto della giornata viene utilizzato per riprendersi dagli effetti del farmaco.

Una volta completato il primo ciclo, verrà eseguito il ciclo successivo con la possibilità di un programma ripetuto. Tuttavia, ogni volta che inizi un nuovo ciclo, il medico controllerà le tue condizioni e l'efficacia del trattamento precedente. Il medico può quindi regolare il piano di trattamento successivo in modo che il processo di recupero sia regolare.

In generale, un ciclo di chemio può durare 3-6 mesi o più, a seconda dello stadio del cancro al seno.

Gli effetti collaterali più comuni della chemioterapia

La chemioterapia per il cancro al seno ha alcuni effetti collaterali comuni. Gli effetti collaterali che si verificano dipendono dal tipo e dalla dose di farmaci che si ricevono, dalla durata del trattamento e dalla salute generale, compreso il modo in cui il corpo risponde a questi farmaci.

Gli effetti collaterali avvertiti da ciascun paziente possono anche essere diversi anche se ricevono lo stesso regime.

La maggior parte degli effetti collaterali sono temporanei e regrediscono al termine del trattamento o un anno dopo. Tuttavia, in alcuni casi, la chemioterapia può avere effetti a lungo termine o permanenti.

Effetti collaterali a breve termine

Gli effetti collaterali a breve termine sono quasi certamente avvertiti da tutti coloro che si sottopongono a chemioterapia, incluso il cancro al seno. I farmaci chemioterapici per il cancro al seno si diffondono in tutto il corpo in modo che generalmente danneggino altre cellule sane del corpo.

In generale, la chemioterapia per il cancro al seno fornisce vari effetti come:

  • La perdita di capelli.
  • Affaticamento, a causa di un basso numero di globuli rossi.
  • Perdita di appetito.
  • Nausea e vomito.
  • Costipazione o diarrea.
  • Piaghe della bocca.
  • Le unghie sono più fragili.
  • Il rischio di infezione aumenta perché ci sono meno globuli bianchi che combattono l'infezione.
  • Danni ai nervi o neuropatia, come intorpidimento delle mani e dei piedi, dolore, formicolio, sensibilità al freddo o al caldo e debolezza.
  • Problemi con la funzione cognitiva che influenzano la memoria e la concentrazione.
  • Ecchimosi o sanguinamento facili, a causa di un basso numero di piastrine.
  • Dolore agli occhi, come occhi secchi, arrossati o pruriginosi, lacrimazione o visione offuscata.

Informi sempre il medico di eventuali effetti collaterali riscontrati. Se l'effetto è troppo grave, il medico prescriverà un antidoto per ridurre al minimo gli effetti collaterali.

Effetti collaterali a lungo termine

I farmaci chemioterapici per il cancro al seno possono anche causare effetti collaterali a lungo termine, come:

  • Infertilità o problemi di fertilità

Alcuni farmaci antitumorali possono danneggiare le ovaie e rendere sterili le donne. Questi effetti possono causare sintomi della menopausa, come: vampate di calore e secchezza vaginale. Inoltre, le mestruazioni possono anche essere irregolari o addirittura interrompersi completamente. Se l'ovulazione si interrompe, la gravidanza diventa impossibile.

  • Osteopenia e osteoporosi

Le donne che soffrono di menopausa precoce a causa del cancro al seno chemio sono ad alto rischio di perdita ossea. La perdita ossea è un fattore che contribuisce all'osteopenia e all'osteoporosi.

  • Danni cardiaci

La chemioterapia per il cancro al seno rischia di indebolire il muscolo cardiaco e causare altri problemi cardiaci. Sebbene il rischio sia piccolo, devi comunque essere vigile e consultare un medico se ci sono sintomi cardiaci insoliti.

  • Leucemia

La chemio per il cancro al seno può anche innescare la comparsa di altri tumori, come la leucemia. Questa condizione compare spesso diversi anni dopo il completamento della chemioterapia.

Oltre a vari disturbi fisici, la chemioterapia per il cancro al seno può anche causare seri problemi mentali. L'ansia per la depressione è spesso un problema mentale sperimentato da persone con cancro al seno.

Per questo, consultare uno psicologo o unirsi a un gruppo con il cancro al seno può essere una soluzione che vale la pena provare. Inoltre, devi anche consultare sempre un medico se hai determinati piani, come la gravidanza.

Cosa fare dopo la chemioterapia?

Dopo la chemioterapia per il cancro al seno, il medico le chiederà di sottoporsi a controlli regolari ogni 4-6 mesi. Questo viene fatto per monitorare la condizione e gli effetti collaterali a lungo termine che si verificano. I medici continueranno inoltre a monitorare la presenza di cellule tumorali indipendentemente dal rischio di ricomparsa.

Durante una consultazione, il medico eseguirà generalmente un esame fisico, come un esame del seno e altri sintomi che stai riscontrando, anche se i sintomi del cancro al seno ritornano. Si consiglia inoltre di sottoporsi a mammografia ogni anno o altri test per il cancro al seno, se necessario.

Se ritieni che ci siano sintomi insoliti, puoi registrarli e quindi segnalarli al medico interessato. Non esitare a consultare un medico se riscontri sintomi preoccupanti durante il recupero della chemioterapia per il cancro al seno.