Fitness

Perché alcune persone forti corrono a lunga distanza e altre no?

Ci sono due tipi di persone in questo mondo. Gente della classe di Usain Bolt che riesce a correre distanze fino a decine di chilometri con un dolce sorriso sulle labbra, e chi riesce a correre anche un chilometro, è come incontrare la morte.

La forza della corsa può essere effettivamente allenata attraverso un allenamento regolare e intenso. Ma quando ti sei allenato molto e non hai ancora la forza per correre lunghe distanze, forse è il momento di riflettere. Ci sono una serie di caratteristiche fisiche che potrebbero essere la ragione per cui ti manca il fiato velocemente quando corri al supermercato vicino a casa tua, mentre il tuo amico della porta accanto vince un abbonamento all'ultramaratona di 200 chilometri.

Le persone che possono correre lunghe distanze hanno geni speciali nei loro corpi

In uno studio pubblicato sulla rivista PLOS One, un team di ricercatori spagnoli ha scoperto che la genetica può determinare notevolmente il tasso di successo di una persona nel raggiungere il traguardo in una maratona.

I ricercatori hanno osservato la condizione fisica di 71 persone che avevano partecipato a una gara di corsa maratona almeno una volta negli ultimi tre anni ed erano fisicamente in forma, senza storia di alcuna malattia. Quindi sono stati prelevati campioni di sangue dei partecipanti allo studio per ulteriori indagini ed è stato anche osservato il loro livello di danno muscolare dopo la corsa.

I ricercatori hanno scoperto che oltre alla determinazione ad allenare la corsa di forza, i corridori di lunga distanza hanno uno speciale codice genetico che consente ai loro corpi di produrre meno creatinchinasi e mioglobina, che sono proteine ​​nel sangue legate alla disgregazione muscolare. Questo composto viene rilasciato dal corpo quando i muscoli diventano tesi o danneggiati dopo un uso prolungato, come durante una maratona.

Tanto per la cronaca, per completare una maratona occorrono circa 30.000 passi, mentre le gambe reggeranno da 1,5 a 3 volte il tuo peso corporeo ad ogni passo.

Quindi, quando c'è un grave danno alle fibre muscolari, ti sentirai stanco più rapidamente. D'altra parte, il corpo del corridore che ha questo particolare gene rilascia molto poco di queste proteine. Ciò significa che subiscono meno danni muscolari durante la corsa. È questo gene che fa funzionare alcune persone meglio di altre.

Le persone che sono forti nella corsa a lunga distanza hanno una struttura ossea delle gambe più lunga

Le gambe più corte e più forti mostreranno generalmente una migliore capacità di corsa, ma questo vale solo per la fase di accelerazione all'inizio della gara. Nel frattempo, le persone con le gambe più lunghe di solito hanno passi più lunghi. Questo è un vantaggio nella fase di metà gara quando hanno raggiunto la massima velocità di marcia, che deve essere mantenuta fino al traguardo.

I ricercatori della Penn University hanno utilizzato immagini di imaging a risonanza magnetica (MRI) dei piedi di corridori competitivi, che avevano almeno tre anni di esperienza nelle gare di sprint. Hanno scoperto che questi velocisti professionisti avevano ossa dell'avampiede che erano fino al 6,2% più lunghe rispetto al gruppo di corridori non sprint.

I ricercatori hanno anche scoperto che anche il loro tendine di Achille (la grande vena nella parte posteriore della caviglia che collega il muscolo del polpaccio all'osso del tallone) ha una struttura diversa. Il tendine d'Achille serve a sollevare il tallone, come quando ci si alza in punta di piedi o si frena. Il corto "braccio di leva" del tendine d'Achille dei velocisti è risultato essere il 12% più corto di quello dei non velocisti. La lunghezza della "leva del braccio" è la distanza tra il tendine di Achille e il centro di rotazione delle ossa della caviglia.

I fondisti devono essere in grado di generare una forza muscolare delle gambe molto elevata in relazione alla loro massa corporea, in brevissimo tempo i loro piedi toccano il suolo. La minore lunghezza del "braccio di leva" del tendine di Achille e le ossa dei piedi più lunghe consentono al corridore di generare una maggiore forza di contatto tra la pianta del piede e il terreno e di mantenere tale forza per un tempo più lungo. Questa tecnica di corsa utilizza meno energia e quindi consuma anche meno ossigeno, il che può farti risparmiare energia durante la corsa.

Ma non è ancora chiaro se sia un allenamento regolare a modificare la struttura delle gambe, o se alcune persone siano appena nate con un fisico da "corridore". Ciò che è chiaro, queste caratteristiche fisiche possono davvero fornire un vantaggio ai corridori per produrre una maggiore forza durante la corsa a lunga distanza.

Le persone forti che corrono su lunghe distanze hanno uno stile di vita più sano

Anche se sei benedetto con i geni e ti sei allenato straordinariamente per avere una velocità di corsa come Usain Bolt, i principi di uno stile di vita scadente possono impedirti di raggiungere la tua migliore capacità di corsa. Una cattiva alimentazione che ti dà calorie vuote senza nutrienti essenziali può effettivamente rallentare il lavoro del tuo corpo.

La mancata soddisfazione del fabbisogno di liquidi corporei con l'acqua non renderà il corpo in grado di mostrare le sue prestazioni ottimali. Riposo inadeguato e cattive abitudini di sonno possono privare il tuo corpo della forma fisica.

Mangiare cibi freschi, bere molta acqua, riposare e adeguate tecniche di recupero post-allenamento sono le chiavi per raggiungere la più perfetta capacità di corsa a lunga distanza.