Salute sessuale

HIV nei bambini, conoscere i sintomi, le cause e come gestirlo

L'HIV/AIDS è ancora uno dei principali problemi di salute nel mondo. Secondo l'ultimo rapporto dell'UNAIDS, alla fine del 2018 c'erano circa 37,9 milioni di persone in tutto il mondo note per essere positive all'HIV/AIDS. Di queste, 36,2 milioni erano adulti e altri 1,7 milioni erano bambini di età inferiore ai cinque anni. . E il caso dell'HIV nei bambini in Indonesia? Quali sono le cause dell'infezione da HIV nei bambini e quali sono i sintomi che compaiono nei bambini infetti?

Situazione dei casi di HIV e AIDS nei bambini in Indonesia

Diverse fonti concludono che il tasso di nuovi casi di HIV e AIDS nei bambini di età inferiore ai 19 anni continua ad aumentare. Il sito di notizie Kontan ha riferito che i casi totali di bambini affetti da HIV/AIDS in Indonesia alla fine del 2018 erano stimati in 2.881 persone. Questo numero è aumentato dal 2010, che era di 1.622 bambini.

Secondo Kompas, riferendosi ai dati del Ministero della Salute, i casi totali erano costituiti da 1.447 bambini di età compresa tra 0-14 anni che erano stati contagiati dall'HIV e altri 324 bambini erano risultati positivi all'AIDS alla fine del 2018. Gli stessi dati mostrano anche che sono stati 1.434 i casi di HIV nei bambini di età compresa tra 15-19 anni e 288. un altro adolescente è sieropositivo.

La mancanza di accesso all'informazione e alla socializzazione che l'HIV può manifestarsi anche nei bambini può essere un ostacolo per loro per ottenere il giusto trattamento. Dai un'occhiata alla seguente recensione in modo che i genitori comprendano le complessità dell'HIV, nonché uno sforzo per impedire che sempre più bambini indonesiani vengano infettati dall'HIV.

Cause dell'HIV nei bambini

La causa della malattia da HIV è l'infezione virus dell'immunodeficienza umana. Questo virus distrugge le cellule CD4 (cellule T), un tipo di globuli bianchi nella parte del sistema immunitario che ha il compito specifico di combattere le infezioni.

Gli esseri umani producono milioni di cellule T ogni giorno per mantenere l'immunità. Ma allo stesso tempo, anche il virus dell'HIV continua a moltiplicarsi per infettare le cellule T sane.

Più cellule T vengono distrutte dal virus HIV, il sistema immunitario della persona sarà più debole e più suscettibile a varie malattie. Quando la conta dei linfociti T è molto al di sotto del normale, l'infezione da HIV può evolvere in AIDS ( Sindrome da immuno-deficienza acquisita ).

Il virus HIV stesso è suscettibile di trasmissione attraverso determinate attività che consentono lo scambio o il movimento di fluidi corporei da una persona all'altra. Tuttavia, i fluidi corporei che mediano la diffusione del virus non sono arbitrari.

L'HIV è generalmente trasportato nel sangue, nello sperma (liquido eiaculatorio maschile), nel fluido pre-eiaculatorio, nel fluido anale (rettale) e nei fluidi vaginali. Ecco perché l'HIV tende a essere trasmesso più facilmente attraverso rapporti sessuali non sicuri, come non usare il preservativo.

Allora, qual è la causa della trasmissione dell'HIV nei bambini piccoli? La trasmissione dell'HIV/AIDS ai bambini può avvenire nei seguenti modi:

1. Trasmissione da madre a figlio

La via più comune di trasmissione dell'HIV nei bambini e nei neonati è attraverso le loro madri.trasmissione da madre a figlio). Secondo la Pediatric AIDS Foundation senza scopo di lucro, oltre il 90% dei casi di trasmissione dell'HIV a bambini e neonati si verifica durante la gravidanza.

Sì! Una donna che è stata infettata dall'HIV prima o durante la gravidanza può trasmettere il virus al futuro bambino nell'utero. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che una donna incinta sieropositiva ha un rischio del 15-45% di trasmettere il virus al bambino in grembo attraverso la placenta.

Il rischio di trasmissione dell'HIV da madre a figlio può verificarsi anche se il bambino è esposto a sangue, liquido amniotico rotto, fluido vaginale o altri fluidi corporei materni che contengono il virus dell'HIV durante il parto.

Alcuni altri casi possono verificarsi anche dal processo di allattamento esclusivo al seno perché il virus dell'HIV può essere contenuto nel latte materno. Pertanto, i medici di solito impediscono alle persone affette da HIV di allattare esclusivamente al seno i loro bambini.

2. Fatti infettare da aghi contaminati

Oltre alla trasmissione durante la gravidanza, anche la condivisione degli aghi usati è un possibile modo di trasmettere l'HIV ai bambini. Questo rischio è particolarmente alto tra i bambini che fanno uso di droghe per via parenterale.

Il virus HIV può sopravvivere in una siringa per circa 42 giorni dopo il primo contatto con il primo utilizzatore (che è sieropositivo). Quindi, c'è un'opportunità per un singolo ago usato di diventare un intermediario per la trasmissione dell'HIV a molti bambini diversi.

Il sangue contenente il virus rimasto sull'ago può essere trasferito al corpo del successivo utilizzatore dell'ago attraverso la ferita da iniezione.

3. Attività sessuale

Come descritto sopra, l'HIV è suscettibile di trasmissione attraverso rapporti sessuali non sicuri.

Il comportamento sessuale a rischio è considerato più "naturale" negli adulti, ma possono essere coinvolti anche bambini e adolescenti. Lanciando Liputan 6 che fa riferimento ai risultati di un sondaggio di Reckitt Benckiser Indonesia, almeno il 33% dei giovani indonesiani ha fatto sesso senza usare il preservativo.

Inoltre, la trasmissione dell'HIV è a rischio anche per i bambini che subiscono violenze sessuali da parte di autori che soffrono di HIV (che se ne rendano conto o meno).

La trasmissione dell'HIV attraverso il contatto sessuale è soggetta a contatto con sangue, sperma, fluidi vaginali o liquidi pre-eiaculatori appartenenti a una persona infetta da HIV con ferite aperte o abrasioni sui genitali di persone sane, come la parete interna del vagina, labbra della vagina, qualsiasi parte del pene (compresa l'apertura del pene) o tessuto anale e anello muscolare anale.

Anche il matrimonio di minori con persone a rischio di contrarre l'HIV li rende più suscettibili all'infezione.

4. Trasfusione di sangue

La pratica di donare il sangue con aghi non sterilizzati può anche aumentare il rischio di HIV nei bambini, soprattutto nei paesi dove i tassi di povertà sono ancora alti. Anche i bambini che ricevono donatori da persone sieropositive sono a rischio di infezione.

Tuttavia, la trasmissione dell'HIV attraverso i donatori è attualmente relativamente rara e può essere evitata perché le procedure di raccolta del sangue sono state rafforzate negli ultimi decenni. Il personale medico responsabile della donazione esaminerà attentamente i potenziali donatori per evitare che accadano cose del genere.

Pertanto, il rischio di trasmissione dell'HIV dalla donazione di sangue ai bambini è molto inferiore rispetto alla trasmissione dovuta agli aghi dei farmaci e alla trasmissione attraverso la madre.

I sintomi dell'HIV nei bambini

Non tutti i bambini con HIV mostrano sintomi specifici. I sintomi dell'HIV nei bambini possono essere lievi o gravi a seconda dello stadio dell'infezione o dello stadio dell'HIV. Lanciando la pagina Stanford Children's Health, anche i sintomi che compaiono nei bambini possono variare, a seconda dell'età in cui sono stati esposti per la prima volta all'infezione.

Vaghi sintomi dell'HIV possono confondere i genitori con segni simili di altre malattie.

Tuttavia, ecco alcuni dei sintomi dell'HIV nei bambini in generale in base alla loro età.

1. Baby

I sintomi dell'HIV nei bambini sotto i cinque anni possono essere difficili da riconoscere. Quindi, se tu o il tuo partner siete a rischio, siete incoraggiati a far controllare regolarmente il vostro piccolo. Sì! I padri possono trasmettere l'HIV anche ai loro bambini.

Alcuni dei sintomi dell'HIV nei bambini sotto i cinque anni che appariranno includono:

  • crescita del bambino stentata . Ad esempio, il peso non aumenta.
  • pancia ingrossata a causa del gonfiore del fegato e della milza.
  • Avere diarrea con una frequenza irregolare.
  • sprue causata da un'infezione fungina nella bocca di un bambino caratterizzata da chiazze bianche sulla guancia e sulle cavità della lingua.

Tuttavia, alcuni dei sintomi dell'HIV nei bambini all'età di prima infanzia possono anche indicare che il bambino ha altre malattie, quindi è meglio assicurarsi di consultare un medico.

Due bambini

Per i bambini di età superiore ai due anni, i sintomi dell'HIV possono essere suddivisi in tre categorie, da lievi a gravi.

Sintomi dell'HIV lieve nei bambini in età scolare:

  • Linfonodi ingrossati.
  • La ghiandola parotide (ghiandola salivare situata vicino all'orecchio) si gonfia.
  • Frequenti infezioni del seno e dell'orecchio.
  • Avere prurito e un'eruzione cutanea sulla pelle.
  • Gonfiore dell'addome dovuto al gonfiore del fegato e della milza del bambino.

Sintomi dell'HIV moderato nei bambini in età scolare

  • Afte che durano più di due mesi.
  • Polmonite, che è gonfiore e infiammazione del tessuto polmonare.
  • Diarrea.
  • Febbre alta che non passa più di un mese.
  • Epatite o infiammazione del fegato.
  • Varicella con complicazioni.
  • Disturbi o malattie renali.

Gravi sintomi dell'HIV nei bambini in età scolare

  • Ha avuto due gravi infezioni batteriche negli ultimi due anni, come meningite o sepsi.
  • Infezioni fungine del tratto gastrointestinale e dei polmoni.
  • Infiammazione del cervello o encefalite.
  • Tumori o lesioni maligni.
  • Pneumocystis jiroveci, il tipo più comune di polmonite nelle persone con HIV.

Alcuni bambini possono contrarre l'infezione da herpes simplex e l'herpes zoster (varicella) come complicazione dei sintomi dell'HIV. Questo perché l'infezione da HIV nel tempo indebolisce il sistema immunitario dei bambini, che tra l'altro non è forte quanto gli adulti.

Pertanto, è necessario ricordare ancora una volta che i sintomi dell'HIV nei bambini possono essere anche gli stessi di altre malattie o problemi medici. Consulta sempre prima il tuo medico se sospetti di vedere i sintomi dell'HIV nel tuo bambino per ottenere una diagnosi più definitiva.

Trattamento dei sintomi dell'HIV nei bambini

Non esiste un farmaco in grado di curare completamente l'HIV, sia negli adulti che nei bambini piccoli. Tuttavia, la diagnosi dell'HIV nei bambini deve essere eseguita precocemente in modo che il bambino riceva il trattamento giusto.

Sebbene non ci sia ancora una cura, i sintomi dell'HIV nei bambini possono essere gestiti somministrando ART (farmaci antiretrovirali). I bambini con HIV dovrebbero assumere il farmaco regolarmente per il resto della loro vita per controllare l'infezione da HIV e aumentare il loro sistema immunitario.

Pertanto, il trattamento dell'HIV con l'ART consente in definitiva ai bambini di vivere una vita più sana e più lunga.

Come prevenire la diffusione dell'HIV nei bambini

Il rischio di HIV aumenterà in base alla modalità di trasmissione e alla quantità di carica virale dell'ospite, che ha il potenziale per trasmetterlo ai bambini

Quindi, si possono prevenire le possibilità di trasmissione dell'HIV ai bambini? La risposta semplice: sì.

Le donne adulte sieropositive possono ridurre il potenziale di trasmissione controllandosi regolarmente e continuando ad assumere farmaci in modo disciplinato; quanto più possibile da prima di iniziare il programma di gravidanza. Con un trattamento medico adeguato durante la gravidanza, il parto e durante l'allattamento al seno, la possibilità di trasmettere l'HIV ai bambini può essere ridotta fino al 5%.

La prevenzione dell'HIV nei bambini può essere effettuata anche fornendo educazione sessuale il prima possibile. I bambini e gli adolescenti devono comprendere correttamente l'HIV per proteggersi.

Guida tuo figlio a comportarsi in modo sicuro condividendo informazioni sulla prevenzione e sui pericoli dell'infezione da HIV. Fai sapere loro come si verifica l'infezione da HIV e alcuni dei sintomi dell'HIV.