Cancro

Chirurgia del cancro ai linfonodi, com'è la procedura? •

Il cancro dei linfonodi o linfoma è una malattia che si verifica a causa di danni alle cellule dei linfociti. Vari metodi di trattamento come la chemioterapia e la radioterapia possono aiutare a controllare questa malattia. Oltre a questi modi, la chirurgia è anche un modo per trattare il cancro dei linfonodi.

Che cos'è la chirurgia del cancro dei linfonodi?

La chirurgia del cancro dei linfonodi è una procedura medica riservata ai pazienti con linfoma o cancro dei linfonodi. Il linfoma è un tipo di cancro del sangue che si verifica nei globuli bianchi chiamati linfociti.

I linfociti svolgono un ruolo come parte del sistema immunitario per proteggerti da varie infezioni o malattie. Bene, quando una persona è affetta da linfoma, le cellule dei linfociti nel corpo crescono in modo incontrollabile e si accumulano nei linfonodi. Questa condizione provoca il cancro.

Il linfoma è un tipo di cancro molto raro. Tuttavia, nel caso del cancro del sangue, il tipo di cancro della linfa è il più comune.

Secondo le pagine dell'American Society of Hematology, circa la metà dei casi di cancro del sangue che si verificano ogni anno sono linfomi. Questa malattia si trova più comunemente nei pazienti anziani, vale a dire sopra i 55 anni e più di sesso maschile.

Le possibilità di cura per questa malattia dipendono dalla gravità del cancro.

Una delle opzioni di trattamento medico che possono essere adottate per trattare il cancro dei linfonodi è la chirurgia. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la chirurgia viene solitamente eseguita per diagnosticare il linfoma e determinarne la gravità.

In altre parole, l'operazione per curare il cancro della linfa è piuttosto rara.

Il cardine del trattamento del linfoma è solitamente la chemioterapia, la radioterapia e il trapianto di midollo osseo.

Quando è necessario questo intervento?

Come accennato in precedenza, la chirurgia non è il modo usuale per curare il cancro della linfa. In generale, questa operazione può essere eseguita in 3 condizioni come di seguito.

1. Determinazione dello stadio del cancro

Nel processo di esame, il medico deve conoscere lo stadio del cancro del linfonodo in modo che possa essere effettuato un trattamento appropriato. Questo processo è chiamato biopsia.

Rimuovendo parte o tutti i linfonodi attraverso un intervento chirurgico, il medico verificherà l'entità della gravità del cancro che il paziente ha.

2. Trattamento di organi affetti da cancro

Di solito, il cancro dei linfonodi colpisce l'area addominale del paziente, quindi è necessario un intervento chirurgico per trattarlo.

La chirurgia viene eseguita per rimuovere il tumore nello stomaco. Dopo questo intervento chirurgico, il paziente dovrà comunque sottoporsi a chemioterapia o radioterapia durante il periodo di recupero.

3. Rimozione della milza

In alcuni tipi di cancro ai linfonodi, come: linfoma della zona marginale splenica, i medici devono eseguire una procedura per rimuovere la milza in modo che le cellule tumorali possano essere ridotte.

Tuttavia, questa procedura è ad alto rischio perché dopo l'intervento chirurgico, il paziente non avrà un organo della milza. Perché la milza è necessaria al corpo per combattere correttamente l'infezione. Pertanto, è necessaria un'ulteriore supervisione da parte dei medici in modo che i pazienti abbiano un basso rischio di infezione.

Cosa deve essere preparato prima dell'intervento chirurgico per il cancro ai linfonodi?

Prima che il medico stabilisca se il paziente ha bisogno di un intervento chirurgico o meno, è necessario un esame più approfondito.

Le ispezioni possono includere:

  • esame fisico,
  • analisi del sangue,
  • TAC,
  • scansioni PET,
  • risonanza magnetica, e
  • ultrasuoni

Dopo aver confermato che sei un candidato idoneo per la chirurgia del cancro dei linfonodi, il medico ti dirà quali sono i benefici e i rischi di questa procedura e cosa preparare.

Chiedi all'équipe medica in dettaglio tutto ciò che devi sapere, dalla durata dell'operazione, agli effetti collaterali e alle complicanze, al trattamento postoperatorio.

A parte questo, ecco alcune cose generali a cui dovresti prestare attenzione prima di sottoporti a un intervento chirurgico contro il cancro.

  • Dì al medico quali farmaci vengono assunti, che vanno da farmaci, vitamine, erbe, integratori.
  • Di solito, il medico ti chiederà di interrompere l'assunzione di determinati farmaci, come farmaci antinfiammatori e farmaci per fluidificare il sangue. Questo mira a ridurre il rischio di sanguinamento durante l'intervento chirurgico.
  • Informa anche se hai mai avuto una storia di allergie ad anestetici o anestetici.
  • Evitare il fumo e le bevande alcoliche prima dell'intervento chirurgico.

Come è il processo di chirurgia del cancro dei linfonodi?

Prima dell'inizio dell'operazione, il medico ti prescriverà un anestetico o un anestetico. Il tipo di anestetico somministrato dipende da quanto è stato grande l'intervento.

Se hai una biopsia per determinare lo stadio del cancro, il medico di solito ti prescriverà un anestetico locale. Questo farmaco agisce solo sulla parte del corpo che verrà operata.

Nel frattempo, se il tipo di intervento chirurgico eseguito è sufficientemente ampio, riceverai l'anestesia generale. Questo medicinale ti manterrà incosciente durante l'operazione.

Dopo esserti addormentato, ti verrà inserito un tubo in bocca per aiutarti a respirare. La tua frequenza cardiaca, la respirazione e la pressione sanguigna saranno attentamente monitorate mentre sei incosciente.

Durante l'operazione

A titolo illustrativo, ecco i passaggi dell'operazione che eseguirai, a seconda del tipo di operazione.

Biopsia

Le operazioni di biopsia per determinare lo stadio del cancro dei linfonodi sono divise in vari tipi, ma le più comunemente eseguite sono le biopsie escissionali e incisionali.

In una biopsia escissionale, il medico rimuoverà l'intero linfonodo affetto da cellule tumorali. L'operazione viene eseguita pulendo prima l'area da operare, quindi il chirurgo rimuoverà i linfonodi per l'esame in laboratorio.

Laparotomia esplorativa

Questa procedura chirurgica è riservata ai pazienti con linfoma che hanno tumori o cellule cancerose nell'addome. L'anestetico utilizzato è l'anestesia generale.

Dopo aver pulito l'area addominale, il medico eseguirà un'incisione e rimuoverà il tumore o l'area dell'organo colpito dal cancro.

splenectomia

La splenectomia è una rimozione chirurgica della milza che può essere riservata ai pazienti affetti da cancro ai linfonodi.

Questa procedura viene eseguita con il metodo buco della serratura, in cui il medico eseguirà solo una piccola incisione per rimuovere la milza. Nel processo, il medico utilizzerà un'attrezzatura chirurgica speciale che viene utilizzata in combinazione con un laparoscopio (un piccolo tubo con una fotocamera e una torcia).

Dopo l'intervento chirurgico

La durata dell'intervento chirurgico per il cancro dei linfonodi dipenderà dal metodo di intervento chirurgico eseguito. Di solito, il corpo si riprenderà in 4-6 settimane.

Al termine dell'intervento, alcuni tubi e tubi saranno ancora attaccati al corpo. La sua funzione è quella di rimuovere i liquidi residui dal corpo dopo l'intervento chirurgico.

Potresti non essere in grado di muoverti normalmente per alcuni giorni. Di solito, infermieri o altri operatori sanitari ti aiuteranno a tornare a essere attivo gradualmente. Questo è importante perché essere attivi impedirà la formazione di coaguli di sangue dopo la procedura chirurgica.

Riceverai anche istruzioni su cosa mangiare e cosa non mangiare per accelerare il tuo recupero.

Quali sono i rischi e gli effetti collaterali della chirurgia del cancro dei linfonodi?

Come altre procedure mediche, anche la chirurgia del linfoma o del cancro linfatico comporta alcuni rischi ed effetti collaterali.

Andare immediatamente in ospedale se si verificano i seguenti sintomi dopo l'intervento chirurgico:

  • Febbre con brividi
  • Sanguinamento nell'area chirurgica
  • Dolore e tenerezza nell'area chirurgica che non si attenua con gli antidolorifici
  • Difficile respirare
  • Dolore ai piedi, alle mani, allo stomaco e alla testa
  • Difficoltà a urinare
  • L'urina è rossa, torbida o ha un cattivo odore
  • Diarrea o stitichezza che non migliora in 2 giorni