Salute

Differenza tra chetosi e chetoacidosi |

Sebbene abbiano termini dal suono simile, chetosi e chetoacidosi hanno differenze fondamentali. Non c'è da stupirsi che così tante persone pensino che questa condizione sia simile. Allora, qual è la differenza tra queste due condizioni?

Differenza tra chetosi e chetoacidosi

Nonostante la somiglianza dei nomi, queste due condizioni sono in realtà diverse. La differenza tra chetosi e chetoacidosi è evidente nella condizione sottostante. Di seguito è riportato un elenco delle differenze tra chetosi e chetoacidosi che è necessario conoscere.

1. Definizione

La differenza tra chetosi e chetoacidosi può essere effettivamente vista attraverso la definizione di ciascun termine.

chetosi

La chetosi è una condizione in cui ci sono chetoni nel corpo, ma questo non è pericoloso. Perché i chetoni sono sostanze chimiche che il corpo produce quando brucia le riserve di grasso.

La chetosi si verifica quando si segue una dieta a basso contenuto di carboidrati, si digiuna o si consuma troppo alcol. Durante questo processo, il corpo ha livelli più elevati di chetoni nel sangue o nelle urine.

chetoacidosi

La chetoacidosi o chetoacidosi diabetica (abbreviato DKA) è una complicanza del diabete mellito di tipo 1 o 2. A differenza della chetosi, la chetoacidosi è una condizione pericolosa per la vita causata da livelli eccessivi di chetoni e zucchero nel sangue.

Entrambi possono far diventare il sangue troppo acido, il che colpisce gli organi interni, come il fegato e i reni. La DKA può verificarsi molto rapidamente, ovvero meno di 24 ore.

Ci sono diverse cose che possono causare chetoacidosi, che vanno da malattie, dieta scorretta, a non assumere insulina in dosi adeguate.

2. Sintomi

Oltre alla definizione, chetosi e chetoacidosi possono essere distinte dai sintomi sperimentati dal malato. Di seguito la spiegazione.

chetosi

Sebbene abbastanza sicura, la chetosi può innescare squilibri nutrizionali in alcune persone. Di conseguenza, ci sono una serie di sintomi che possono comparire, come ad esempio:

  • odore di respiro,
  • male alla testa,
  • fatica,
  • difficile concentrarsi,
  • facile arrabbiarsi,
  • anemia,
  • corpo tremante, e
  • facilmente ferito.

chetoacidosi

Rispetto alla chetosi, la chetoacidosi è solitamente caratterizzata da condizioni più diverse ed è piuttosto pericolosa se non controllata. Ci sono anche sintomi di DKA, tra cui:

  • alti livelli di zucchero nel sangue,
  • aumento dei livelli di chetoni nelle urine,
  • avere sete e urinare frequentemente
  • fatica,
  • pelle secca o arrossata,
  • nausea o vomito,
  • mal di stomaco,
  • difficile respirare,
  • odore di respiro,
  • difficile da mettere a fuoco, e
  • perdere conoscenza.

Se si verifica uno o più dei sintomi sopra elencati, è necessario consultare il proprio medico.

3. Trigger

La differenza tra chetosi e chetoacidosi è evidente anche in quali sono i fattori scatenanti.

chetosi

Generalmente, la chetosi è innescata da una dieta a basso contenuto di carboidrati, o comunemente indicata come dieta chetogenica (cheto).

La dieta chetogenica consente al corpo di bruciare i grassi per utilizzarli come energia. Questo perché si riduce l'assunzione di carboidrati che sono la principale fonte di energia.

La combustione produce quindi chetoni nel corpo che in seguito provocano questo processo metabolico.

chetoacidosi

Quando la chetosi è innescata da una dieta a basso contenuto di carboidrati, la differenza tra questo processo e la chetoacidosi risiede nella mancanza dell'ormone insulina nel sangue.

L'insufficienza di insulina nel sangue fa sì che lo zucchero nel sangue non possa essere scomposto in energia dalle cellule del corpo durante il processo metabolico. Di conseguenza, il corpo inizia a scomporre il grasso per utilizzarlo come energia e rilascia chetoni nel flusso sanguigno.

Quando ciò accade, il corpo può sperimentare uno squilibrio chimico nel sangue chiamato acidosi metabolica. Inoltre, ci sono una serie di condizioni che possono attivare DKA, come ad esempio:

  • polmonite,
  • infezione del tratto urinario,
  • fatica,
  • attacco di cuore,
  • abuso di alcol e droghe,
  • uso di determinati farmaci, e
  • malattie acute, come sepsi o pancreatite.

4. Fattori di rischio

Dato che la chetosi e la chetoacidosi hanno diversi fattori scatenanti, alcune condizioni possono anche aumentare il rischio di queste due condizioni. I seguenti sono i fattori di rischio per chetosi e DKA che differenziano i due.

chetosi

Come spiegato in precedenza, una dieta a basso contenuto di carboidrati è un fattore che può aumentare il rischio di sviluppare chetosi.

Le diete a basso contenuto di carboidrati di solito mirano a perdere peso. In effetti, anche le persone che seguono una dieta rigida con disturbi alimentari sono a maggior rischio.

chetoacidosi

Lanciando l'American Diabetes Association, la chetoacidosi tende a verificarsi nelle persone con diabete di tipo 1 che non mantengono correttamente i livelli di zucchero nel sangue.

Non solo la mancanza di mantenimento dei livelli di zucchero nel sangue, ci sono vari altri fattori di rischio aggiuntivi, tra cui:

  • abuso di alcol e droghe,
  • spesso tardi anche per mangiare
  • non ricevere abbastanza nutrizione.

5. Trattamento

Poiché esiste una differenza di gravità tra chetosi e chetoacidosi, il trattamento per entrambe è diverso. Le persone in chetosi potrebbero non aver bisogno di cure intensive. Tuttavia, ciò non si applica a DKA.

Generalmente, le persone con DKA devono essere portate d'urgenza al pronto soccorso o ricoverate in ospedale, soprattutto quando si verifica a causa di complicanze del diabete.

Alcuni dei trattamenti chetoacidosi raccomandati dai medici includono:

  • liquidi per bocca o per vena,
  • sostituzione di elettroliti, come cloruro, sodio o potassio, nonché
  • insulina per via endovenosa fino a quando il livello di zucchero nel sangue è inferiore a 240 mg/dL.

Entro 48 ore, le condizioni di DKA nelle persone con diabete di solito migliorano. Il medico esaminerà anche un programma di dieta nutrizionale equilibrata e farmaci per prevenire il ripetersi di questo disturbo.

Ci sono differenze tra chetosi e chetoacidosi. Tuttavia, il modo per diagnosticare queste due condizioni è abbastanza simile, vale a dire gli esami del sangue per rilevare i livelli di chetoni nel sangue.

Tuttavia, è necessario essere vigili quando si verificano uno o più dei sintomi elencati. Se necessario, consultare un medico per ottenere il giusto trattamento.