Salute mentale

Terapia cognitiva e comportamentale, Counseling per problemi psicologici

Se riscontri problemi di salute come ipertensione, mancanza di respiro o ossa rotte, cosa farai? Puoi essere certo che ti ritroverai in una struttura sanitaria e avrai accesso all'assistenza di operatori sanitari professionisti. Questo è diventato parte della mente umana quando si è ammalato.

Tuttavia, cosa succede se il disturbo che senti è psicologico? Avrai accesso a un professionista della salute mentale come uno psicologo, un consulente o uno psichiatra? Sfortunatamente, ci sono ancora molte persone che sono riluttanti a fare un check-up e cercare un aiuto professionale quando il problema che stanno vivendo è di tipo psicologico. Il motivo è che vedere uno psicologo o uno psichiatra è spesso associato a disturbi mentali che sono ancora considerati tabù dalla società. In effetti, la salute mentale è importante tanto quanto la salute fisica. Quindi non c'è davvero alcun motivo per tabù sulla salute mentale.

Se hai lamentele relative alle tue condizioni psicologiche e mentali come fobie o insonnia, un metodo che i professionisti della salute mentale possono offrire è la terapia cognitiva e comportamentale (CBT). Questa terapia è una combinazione di psicoterapia e terapia comportamentale che viene svolta attraverso la consulenza. L'obiettivo principale è cambiare la mentalità o il comportamento che causa vari problemi nella vita di una persona.

In che modo la terapia cognitiva e comportamentale (CBT) è diversa dalle altre terapie?

La psicoterapia si concentra sui modelli di pensiero formati quando eri un bambino. Nel frattempo, la terapia comportamentale si concentra sulla relazione tra i tuoi problemi, i modelli di pensiero e il comportamento. La CBT combina le tecniche di entrambe le terapie. Rispetto ad altre terapie, la CBT presenta diversi vantaggi. Questi vantaggi includono:

  • La CBT si concentrerà su un problema particolare della tua vita in modo da non essere disturbato da altri problemi e lamentele
  • Molto strutturato perché non devi spiegare tutti i dettagli della tua vita dal passato, devi solo discutere di un problema che vuoi risolvere ora
  • Tu e il tuo terapeuta potete fissare un obiettivo molto specifico da raggiungere una volta completata la terapia
  • La CBT è una terapia aperta in cui tu e il terapeuta potete discutere il percorso migliore senza essere costretti e nutriti con consigli del terapeuta che non ti si addicono
  • La CBT di solito non richiede troppo tempo, in 10-20 incontri ci si aspetta che mostri progressi significativi

Chi può sottoporsi a CBT?

La CBT è una terapia che si è dimostrata efficace nel trattamento di una varietà di problemi. I reclami che di solito possono essere risolti con la CBT includono le fobie; disturbi alimentari come anoressia e bulimia; insonnia; dipendenza da alcol, sigarette e droghe; disturbo da stress post-traumatico (PTSD), disturbo ossessivo-compulsivo; depressione; preoccupato; e traumi psicologici dovuti a violenze o abusi sessuali. Questa terapia può essere intrapresa sia da bambini che da adulti. Tuttavia, dovresti fare riferimento a un terapeuta che è abituato a trattare con clienti pediatrici se stai assumendo tuo figlio per la CBT.

Come funziona la CBT?

Nelle sessioni di terapia cognitiva e comportamentale, ti verrà chiesto di aprire e condividere le tue preoccupazioni con il terapeuta. Non aver paura di condividere le tue preoccupazioni perché il terapeuta che lavora con te manterrà la riservatezza e non ti giudicherà. Per capire come funziona la CBT, considera i seguenti passaggi.

1. Rileva i problemi

All'inizio della terapia, ti verrà chiesto di raccontare le lamentele sperimentate. Queste lamentele possono essere dipendenza da alcol, insonnia, fallimento nelle relazioni o scoppi di rabbia. In questa fase, sia tu che il terapeuta determinerete la radice del problema che volete risolvere e l'obiettivo finale che volete raggiungere.

2. Sii consapevole dei sentimenti e dei pensieri che sorgono

Una volta rilevato un problema persistente, ti verrà chiesto di condividere come ti sei sentito o pensato quando è sorto il problema. Ad esempio, ti sentirai sollevato o più leggero se bevi alcolici durante la notte. Credi che l'alcol possa aiutarti a dimenticare i tuoi problemi e alleviare lo stress. Di solito il terapeuta ti incoraggerà a registrare questi sentimenti e pensieri in un diario o diario.

3. Gestire schemi di pensiero errati o negativi

Per aiutarti a capire che qualcosa non va nella tua mentalità, il tuo terapeuta ti chiederà di confrontare diverse situazioni. In questa fase dovresti davvero prestare attenzione alle reazioni fisiche, emotive e psicologiche che sorgono quando non sei innescato dai problemi che sorgono (in condizioni normali).

4. Rimodellare i modelli di pensiero errati o negativi

La fase finale della CBT è la più difficile. Ti verrà chiesto di valutare se la tua mentalità e la visione di una condizione si basano sul buon senso o se si tratta di una visione errata. Devi davvero capire che per tutto questo tempo la tua mentalità è sbagliata. Supponiamo che tu sia dipendente dall'alcol, verrai portato a capire che l'alcol non è la risposta alle pressioni che affronti ogni giorno al lavoro. La tua mentalità migliore verrà continuamente instillata con l'aiuto di un terapeuta. Sarai anche in grado di controllare i tuoi processi cognitivi e il tuo comportamento quando sorgono problemi.

LEGGI ANCHE:

  • Affrontare lo stress con la cromoterapia
  • 7 disturbi alimentari strani ma reali
  • I bambini che sono esigenti riguardo al cibo sono vulnerabili ai disturbi psicologici