genitorialità

Attenzione alla sifilide congenita, un'infezione a trasmissione sessuale che perseguita i bambini

Le malattie sessualmente trasmissibili come la sifilide, nota anche come il re leone, sono solitamente molto suscettibili di verificarsi in persone che non hanno rapporti sessuali protetti o hanno più partner. Sebbene sia vissuta da molti adulti, in realtà questa malattia infettiva può manifestarsi nei neonati. In effetti, il tuo piccolo può essere infettato da quando era nel grembo materno. Questo accade perché la madre ha la sifilide per trasmetterla al feto. Questa condizione è nota come sifilide congenita. Quindi, quanto è pericolosa la sifilide congenita per il bambino? Si può curare?

Sifilide congenita, un'infezione pericolosa per la vita

La sifilide congenita è una grave infezione che può provocare invalidità permanente e morte nei neonati. Donne incinte infette Treponema pallido può trasmettere questi batteri al feto attraverso la placenta nel corpo del feto.

La sifilide congenita è un'infezione pericolosa per la vita perché può attaccare vari sistemi di organi nel feto in via di sviluppo. L'infezione da sifilide può colpire vari organi del corpo compreso il cervello, il sistema linfatico e le ossa.

È molto probabile che le donne in gravidanza trasmettano l'infezione al feto, soprattutto se la malattia non viene curata e si verifica nel secondo trimestre. Questa infezione può anche aumentare il rischio di basso peso alla nascita, parto prematuro, aborto spontaneo o natimortalità.

I sintomi vissuti dai bambini

All'inizio, i bambini nati vivi da madri con la sifilide possono apparire sani e in salute. Tuttavia, nel tempo possono svilupparsi alcuni sintomi. Di solito i bambini sotto i 2 anni che hanno la sifilide congenita sperimenteranno:

  • Disturbi ossei
  • Ingrossamento del fegato
  • Non ha avuto un aumento di peso significativo rispetto al peso alla nascita
  • spesso pignolo
  • Meningite
  • Anemia
  • Pelle screpolata intorno alla bocca, ai genitali e all'ano
  • Sembra un'eruzione cutanea
  • Incapace di muovere braccia e gambe
  • Scarico frequente dal naso

Nei neonati e nei bambini, i sintomi della sifilide congenita possono includere:

  • Anomalie della crescita dei denti
  • Disturbi delle ossa
  • Cecità o disturbi della cornea
  • Perdita dell'udito alla sordità
  • Disturbi della crescita del naso
  • Gonfiore articolare
  • Disturbi della pelle intorno alla bocca, ai genitali e all'ano.

Come si riconosce la sifilide congenita?

La diagnosi precoce della malattia nelle donne in gravidanza può essere eseguita eseguendo vari esami del sangue come il test di assorbimento degli anticorpi treponemici fluorescenti (FTA-ABS), la reazione di plasma rapido (RPR) e il test di laboratorio di ricerca sulle malattie veneree (VDRL). Il rilevamento e il trattamento il prima possibile saranno molto utili per prevenire la trasmissione al feto.

Nei neonati, se si sospetta un'infezione da sifilide, è possibile eseguire un esame della placenta accompagnato da un esame fisico del bambino per i sintomi negli organi del corpo. L'esame fisico del bambino include:

  • Raggi X sulle ossa
  • Esame della vista
  • Esame microscopico dei batteri della sifilide
  • Esame del sangue (lo stesso delle donne in gravidanza).

Come trattare i casi di sifilide congenita nei neonati?

Nelle donne in gravidanza, il trattamento sarà efficace solo se l'infezione da sifilide si verifica nella fase iniziale con antibiotici specifici per la penicillina da parte di un medico. Il trattamento della sifilide avanzata sarà molto pericoloso per il feto in modo che possa causare una reazione spontanea all'aborto.

Se il bambino è nato, il trattamento dell'infezione utilizza anche antibiotici specifici da parte di un medico il prima possibile nei primi 7 giorni dopo la nascita. Il regime di somministrazione di antibiotici dipenderà anche dalle condizioni del peso del bambino e dalla storia dell'infezione e dei farmaci della donna incinta.

I sintomi tardivi nei lattanti anziani fino ai bambini piccoli possono anche richiedere farmaci antibiotici con una riduzione graduale della dose di antibiotici e anche con un trattamento specifico per altri organi che possono essere colpiti dall'infezione, come gli occhi e le orecchie.

Si può prevenire questa sifilide congenita?

L'infezione congenita della sifilide dipende molto dalle condizioni e dalla storia dell'infezione nelle donne in gravidanza. L'applicazione di un comportamento sessuale sicuro prima del concepimento può prevenire l'infezione e il rischio di trasmettere la sifilide. Se ritieni di essere a rischio di contrarre un'infezione da sifilide, consulta immediatamente un medico. Il trattamento il prima possibile può prevenire l'infezione da sifilide nella fase avanzata.

Anche l'esame delle donne in gravidanza deve essere effettuato il prima possibile nel primo trimestre di gravidanza. L'esame deve essere ripetuto anche se alla donna incinta viene diagnosticata un'altra malattia a trasmissione sessuale durante la gravidanza.

Le possibilità di una cura sia per la madre che per il bambino evitando l'infezione sono molto grandi se la sifilide viene rilevata e trattata precocemente. In alcuni casi, la sifilide trattata alla fine della gravidanza può eliminare l'infezione nelle donne in gravidanza, ma i sintomi dell'infezione da sifilide possono ancora essere osservati nei neonati.

Vertigini dopo essere diventato genitore?

Unisciti alla comunità dei genitori e trova le storie di altri genitori. Non sei solo!

‌ ‌